Pubblicità
Home Ciclismo Eventi Gravel: asfalto e off road con Fi’zi:k Terra Argo
Pubblicità

Gravel: asfalto e off road con Fi’zi:k Terra Argo

0
asfalto e off road con Fi'zi:k Terra Argo
Giacomo Petruccelli alla Nova Eroica

Se la comodità può essere un aspetto soggettivo, la ricerca di questa qualità è fondamentale quando parliamo di gravel, disciplina moderna e praticata anche da chi, il ciclismo, lo ha appena approcciato. Vi raccontiamo l’esperienza e il vissuto dell’amico Giacomo.

Fi'zi:k Terra Argo
Le Fi’zi:k Terra Argo in test a Giacomo

La sella per le proprie caratteristiche, non solo nel gravel

Quando si parla di selle per il ciclismo (praticato nelle sue tante sfaccettature) o di ricerca della migliore sella, le condizioni imprescindibili per un equilibrio naturale tra l’atleta e il suo mezzo sono rappresentate dai fattori “comodità” e “stabilità”.

Comodi e stabili a prescindere

Pubblicità

Stare comodi e stabili in sella, specialmente per alcune ore e nelle situazioni più diverse di guida, non è affatto scontato, e rende la scelta della sella quasi prioritaria rispetto al mezzo. Dall’asfalto all’offroad, infatti, non è un caso che scegliere una sella sbagliata sia deleterio tanto per la bontà della pedalata quanto per l’esperienza di guida, a qualsiasi livello. Fi’zi:k, brand che produce in Veneto, è sbarcato sul mercato delle selle gravel con la nuova TERRA ARGO (nei modelli X3 e X5) completando così la linea di selle “corte”.

Caratteristiche tecniche della sella gravel Fi’zi:k TERRA ARGO

Se Fi’zi:k è la trascrizione fonetica della parola “fisico” (facendo riferimento alla forma del corpo umano e alla fluidità del gesto tecnico), è facile intuire come le caratteristiche tecniche della sella gravel TERRA ARGO possano rispecchiare il concetto di armonia. Tutto però, in linea con i valori di tecnologia, innovazione, ricerca e sviluppo del prodotto, sempre cari alla casa madre Selle Royal. Questa fa parte della categoria delle selle corte.

Una sella corta disponibile in due larghezze

La sella gravel Fi’zi:k TERRA ARGO è stata pensata e progettata con un guscio che assorbe qualsiasi vibrazione e una forma specifica che mantiene il bacino saldamente in posizione, specie su terreni irregolari come quelli offroad. Corta, per non avere ingombri (aspetto tecnico che va a favore anche di una spinta sui pedali, diversa dalle selle standard). Un ampio e generoso supporto ischiatico dietro (per garantire la migliore stabilità evitando pressioni eccessive). TERRA ARGO viene prodotta nella versione X5 (più economica, a 89 €) e in quella X3 (129 €) in due taglie: 150 e 160 mm (lunghezza 270 mm).

La Fi'zi:k Terra Argo
Un’immagine che permette di osservare lo shape della sella Fizik in senso laterale.

Un guscio che ha l’obiettivo di dissipare

Il guscio assorbente è frutto di una combinazione tra nylon rinforzato con carbonio e binari leggeri Kium (lega sviluppata da Fi’zi:k più leggera dell’8% rispetto al titanio) nel modello X3. Il primo impatto visivo di TERRA ARGO è quello di una sella un po’ “abbondante” rispetto a quelle tradizionali, ma che sa il fatto suo.

Soluzioni tecniche e know how

  • Per supportare meglio il guscio della TERRA ARGO, Fi’zi:k ha utilizzato il suo sistema di binari Mobius a circuito chiuso che garantisce maggiore stabilità, resistenza, reattività e distribuzione del peso. Foam di Tipo 2 per il supporto ischiatico.
  • L’incavo centrale respinge schizzi di fango, pozzanghere, ghiaia e pioggia tipici dell’offroad, mentre la tecnologia WINGFLEX permette ai bordi laterali della sella di flettersi per adattarsi al movimento interno della gamba, un plus che rende la pedalata su sterrato davvero customized.
  • E non è finita, perché Fi’zi:k ha trattato TERRA ARGO con un’imbottitura a  SCHIUMA di tipo 2 che offre un’ammortizzazione progressiva ed uno stato di comfort davvero considerevoli. Sì, perché la prima sensazione che si prova standoci seduti è quella di averci già macinato tanti chilometri e non si percepisce nessun fastidio nelle zone cosiddette “sensibili”.

I feedback e la user experience

Non c’era palcoscenico migliore per un primo test “a freddo”, se non quello della Nova Eroica di Buoncovento (Siena), il progetto made by L’Eroica dedicato al mondo gravel, strada e ciclocross. Nel weekend del 24 e 25 ottobre scorsi, la Val d’Arbia e la Val d’Orcia hanno ospitato uno dei pochissimi eventi autorizzati in Italia al tempo del Covid, in un clima di rispetto delle regole tipico degli eroici, con la voglia di ritrovarsi in sella su quelle strade bianche che tutto il mondo ci invidia.

Tre i percorsi proposti: cicloturistico, corto e lungo. Da Buonconvento si potevano toccare le località di Asciano, Monteroni d’Arbia, Murlo e Montalcino, un paradiso di strade bianche fatte apposta per suscitare tutte le sensazioni possibili ma anche, nel mio caso, perfette per testare la sella TERRA ARGO.

test sella Fi'zi:k Terra Argo by giacomo
Un’esperienza che una sorta “prima”, ma anche motivo di orgoglio.

Gravel per la prima volta

La scelta del mio percorso è ricaduta su quello delle Crete Senesi, 95 km e 1500 metri di dislivello con tre tratti gravel (puro off road a strada bianca) importanti. La fortuna di pedalare su un percorso misto di questo tipo è stata di aver potuto “assaggiare” la TERRA ARGO in condizioni di pedalata completamente diverse tra loro. E per non farmi mancare nulla e rendere il test ancora più attendibile, quella di Buonconvento è stata la mia prima esperienza di guida con una gravel bike.

Non facciamoci mancare nulla

Quando affronti una gara di qualsiasi tipo, con una bici che non è la tua e una sella che non hai mai provato prima, è molto facile che qualcosa possa andare storto, non tanto a livello di “prestazione” quanto a livello fisico. E invece no. Nonostante il fitting del mezzo, una Via Nirone Allroad (entry level di casa Bianchi di tutto rispetto), fosse stato fatto bene ma “ad occhio”, ho cominciato a percepire nettamente la qualità della sella TERRA ARGO quando da Asciano ho imboccato il secondo tratto sterrato della Nova Eroica, che da lì a poco (si fa per dire) mi avrebbe portato verso la località di Monte Sante Marie. Un simbolo della Toscana offroad  e non solo (le pendenze sono intorno al 12%) che porta il nome di Fabian Cancellara, vincitore per ben tre volte della leggendaria “Strade Bianche”.

Gravel: asfalto e off road con Fi'zi:k Terra Argo
Giacomo con la Bianchi Via Nirone e la sella Fi’zi:k

La stabilità ha il suo valore

Il terreno sterrato e irregolare, fatto di pendenze crescenti, ciottoli, sassi e in qualche caso avvallamenti, è stato il primo vero test dove valutare tutte le caratteristiche tecniche di una sella che non mi ha messo in crisi, nonostante io non fossi proprio Cancellara. Il bacino è rimasto incollato quasi fosse un tutt’uno col mezzo, mai una sensazione di scivolamento, né laterale né in avanti. Posso affermare che, essere ben impostati sulla sella, permette di risparmiare parecchio, in termine di energia e fatica, il tutto con un buon vantaggio che si percepisce sul rendimento della pedalata.

Il fattore comfort

Dicevamo della comodità. Alla fine del percorso, completato in poco meno di 5 ore, la sensazione percepita una volta sceso dalla sella è stata come non esserci mai salito. E non ho avuto fastidi o problemi post gara nemmeno nei giorni a seguire, che di norma sono quelli in cui qualche problemino lo si avverte. Il primo verdetto? Decisamente positivo.

Gravel: asfalto e off road con Fi'zi:k Terra Argo
Giacomo alla sua prima esperienza off road, stanco e felice, ma senza dolori.

Il ruolo della sella nel cicloturismo: le mie considerazioni

Se comodità e stabilità sono condizioni imprescindibili nelle esperienze di guida gravel, lo sono ancora di più quando parliamo di avventure cicloturistiche. Il ruolo della sella nel cicloturismo, infatti, assume una valenza triplicata, perché la sella – punto di contatto più sensibile con le parti intime – deve rispondere alle esigenze dell’utilizzatore. Quest’ultimo non è necessariamente un agonista, un ciclista di lungo corso o un appassionato che fa collimare l’esperienza a d una buona conoscenza tecnica. Il cicloturista può essere semplicemente il ciclista della domenica, uomo o donna, che vuole essere comodo/a, a prescindere da design, forme, ergonomia e moda.

Un’esperienza che mi lascia un bagaglio

La mia passione verso il cicloturismo, ci racconta Giacomo, nasce per gioco tre anni fa. Viaggi piccoli, di qualche giorno, ma con tappe di una lunghezza decisamente sopra la media. In alcune occasioni, però, il viaggio si è dovuto interrompere prima del previsto proprio perché era mi impossibile rimanere seduto. La sella, mi creava non pochi problemi e dolori.

asfalto e off road con Fi'zi:k Terra Argo
Con la mtb al limite del viaggio bikepacking

Ho voluto effettuare altri due test su questo modello di sella, diversi per approccio e durata – per capire se le sensazioni positive avute a Buonconvento. Ero curioso; avevo necessità di capire se i feedback ricevuti in quell’occasione, potevano trovare ulteriori conferme, oppure cambiare parere e dire: “mi sono sbagliato, è stato un caso”.

Con la mtb

Prima di tutto ho cambiato bici e mi sono preso una mtb, sulla quale ho montato la TERRA ARGO, cercando di rispettare, per quanto possibile, una posizione sulla bici che potesse ricordare quella usata in precedenza. MTB e portapacchi, quindi il doppio del peso. Ecco che, il profilo ondulato che permette di sfruttare la parte posteriore della sella e il ridotto ingombro anteriore diventano un vantaggio. Un aspetto su tutti? Lo scarico e il benessere nella zona lombare.

Gravel: asfalto e off road con Fi'zi:k Terra Argo
In viaggio con la mtb

Non solo gravel: l’obiettivo delle 4 ore

Ho voluto passare una giornata in sella, dalla Val di Chiana alla Val d’Orcia e ritorno, pedalando poco più di 100 km e 1400 metri di dislivello tra asfalto (70%) e sterrato (30%). Non mi interessava valutare tanto il chilometraggio quanto la permanenza in sella per un tempo superiore alle 4 ore.

Gravel: asfalto e off road con Fi'zi:k Terra Argo
Tra sentieri, strade bianche e asfalto, ma anche lontano dai centri abitati e in mezzo al verde.

Test “cicloturistico gravel” in versione casual

L’ho voluto fare durante il primo giorno di zona rossa in Toscana. Vivo in una zona di campagna in Val di Chiana, l’occasione è stata propizia per usare la sella in un’altra condizione di guida, forse più “estrema”. Ho utilizzato un pantaloncino anatomico a compressione, specifico per la corsa, con un fondello sottilissimo a mo’ di seconda pelle dove la sensazione di contatto con le parti intime era evidente: “mica tutti vanno in bici con la salopette munita di fondello, la gente ci va anche con i bermuda”. Quasi 3 ore su sterrato e su qualche salita in asfalto, affrontando quasi sempre pendenze intorno al 9%. Anche in questo caso sono rimasto stupito, la TERRA ARGO è stata impeccabile. Nessun dolore o fastidio.

In Conclusione

Per quella che è la mia esperienza di amatore, cicloturista e gravel man, posso dire di essermi trovato di fronte a un prodotto esteticamente diverso, non tradizionale e in un certo senso fuori dagli schemi. Sono entusiasta, perché ho voluto capire e approfondire, cercando di interpretare quelle che possono essere le differenti esigenze di chi pedala.

Mi sono ritrovato a pensare spesso e a beneficiare dei fattori di cui accennavo all’inizio, comodità e stabilità, non solo come aspetti tecnici slegati tra loro, ma di come l’insieme di più cose, possono fare la differenza e che l’una non può fare a meno dell’altra. E comunque va tutto nel calderone della gratificazione personale e del benessere, perché io ho pedalato in totale comfort e mi sono divertito.

a cura di Giacomo Petruccelli, immagini di Giacomo Petruccelli (grazie).

fizik.com

Articolo precedenteLe proposte Thule per una vita attiva sulla neve
Articolo successivoAloha Hawaii
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità