Pubblicità
Home Ciclismo News Il nuovo Continental Grand Prix 5000
Pubblicità

Il nuovo Continental Grand Prix 5000

0

Continental GP4000 è stato definito da molti il copertoncino più versatile del mercato, pneumatico che compie 14 anni. Dopo un lungo corso di successi, il punto di riferimento del marchio tedesco viene aggiornato e rivisto, nelle tecnologie e nel design.

Continental gp 5000 tubeless

Continental Grand Prix 5000 è pensato per i ciclisti che vogliono andare più veloce, capace di mantenere elevati standard di comfort, con una notevole resistenza alle forature.

Il GP 5000 presenta notevoli differenze rispetto al suo predecessore. I tecnici Continental dichiarano il:

  • • 12% in meno di resistenza al rotolamento,
  • • 20% in più di protezione dalle forature e
  • • 10% in meno in termini di peso.

Ideati e creati con tecnologie innovative, come la rivoluzionaria Active Comfort che agisce assorbendo le vibrazioni dello pneumatico rendendo più fluida la guida. La Lazer Grip, una struttura laserata che si espande sulla spalla dello pneumatico e offre un’ottimale tenuta in curva. La tradizionale mescola Black Chili brevettata da Continental, è stata rivista con una nuova formula che garantisce una minore resistenza al rotolamento, un miglior grip e una resa chilometrica superiore del 5% rispetto ai Grand Prix 4000.

I nuovi Grand Prix 5000 sono disponibili anche nella versione tubeless.

continental-tires.com

Articolo precedenteMediterranean Ocean
Articolo successivoDynafit pensa ai runner…anche d’inverno!
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità