Pubblicità
Home Ciclismo Prodotti Informazione: la lotta tra contenuto e click
Pubblicità

Informazione: la lotta tra contenuto e click

0
Informazione: la lotta tra contenuto e click
Road Bike Connection 2020 - Andalo - Italy - Photo @6stili - www.luigisestili - BCA Bike Connection Agency

Nell’era dei social è complicato fare e creare un’informazione equilibrata, leggibile, credibile, che venga letta ed interpretata nel modo corretto. Vale anche per noi che confezioniamo e strutturiamo dei contenuti tecnici legati alla bicicletta. In una pubblicazione precedente abbiamo evidenziato alcuni punti che potrebbero essere oggetto di cambiamento nel mondo editoriale della mtb, ora puntiamo la lente rapporto che esiste tra il contenuto dell’articolo e il potere del web click.

Editoria MTB: 5 cose più una da cambiare

Informazione e business

Fare dell’informazione è prima di tutto un lavoro (e una passione). Affermazione banale? Si, può essere, ma proprio in una frase come questa sono racchiusi tanti fattori che talvolta appaiono al pari di un gioco o di un vezzo e i social channels attuali amplificano ancor di più questa percezione da parte di chi legge, o semplicemente guarda.

Ma l’informazione è anche un business, proprio come ogni lavoro che, poco o tanto genera ricchezza, ma che sempre più spesso è in un totale disequilibrio con le ore di lavoro e la dedizione. Non è una scusante, non è una frase che mira a difendere la categoria, ma è semplicemente un dato di fatto.

Tenersi aggiornati e sul pezzo in modo costante, un compito stimolante e non semplice. E’ un altro e ulteriore obiettivo, dobbiamo essere in grado di fornire “sempre” delle risposte autorevoli e corrette, pur coscienti che oggi, un lettore, può essere più informato di noi sul quel prodotto nello specifico, proprio a causa di una costante informazione che arriva da più parti. I tasselli che dobbiamo mettere insieme quotidianamente sono tanti, un lettore si concentra sulla passione.

Nulla è gratis

Un lavoro non è un qualcosa che si fa gratuitamente e così è anche l’informazione. Diventa più complicato identificare come il lettore percepisce l’informazione. Non la tocchiamo e allora è difficile da quantificare! Con il web ci arriva anche l’informazione che non ci interessa! Accedere al web non è una forma gratuita (perché paghiamo un canone, un dispositivo, un abbonamento etc.). Tutto ha un prezzo.

E l’informazione su carta? La carta e le riviste che si toccano con mano, rimangono un biglietto da visita e un segno tangibile dell’informazione. Alla carta manca l’immediatezza che è richiesta oggigiorno. 

Road Bike Connection 2020 – Andalo – Italy – Photo @6stili – www.luigisestili – BCA Bike Connection Agency. Un pò meccanici, un pò ciclisti, fotografi e viaggiatori. Il giornalista-ciclista è anche questo.

Non perdere di vista l’obiettivo

Non è semplice creare un’informazione corretta ed equilibrata che sia in grado di tener conto dei due lati della barricata: le aziende e l’utente finale. Se è vero che il mondo dei media si erge per buona parte sulle inserzioni pubblicitarie delle aziende, è pur vero che il lettore deve ricevere l’informazione della quale ha bisogno e che cerca. Questo bisogno è anche il nostro, che non di rado ci immedesimiamo e indossiamo i panni del ciclista. Chi ci legge se ne frega, o non è tenuto a sapere chi ha investito su di noi in termini pubblicitari.

Il nostro obiettivo è quello di approfondire, snocciolare e categorizzare, differenziando e arricchendo quel messaggio che l’azienda stessa ha già promosso su diversi canali. Non dobbiamo perdere di vista “il difficile obiettivo di informare”, di rendere la tecnica della bicicletta una cosa condivisibile e interpretabile, leggibile e guardabile. Noi siamo giornalisti e tecnici della bicicletta: NON siamo influencer e ambassador. Noi non siamo tester DJ. 

Mai perdere di vista l’obiettivo e il core del messaggio, l’informazione e la “possibilità” di trasmettere un’emozione.
Ogni volta come se fosse la prima

Il nostro compito non è quello di dire e di scrivere se una bici è bella oppure va meglio rispetto ad un’altra. Non siamo dei promoters e non siamo venditori. Il nostro compito è quello di interpretare ogni bicicletta come se fosse la prima volta che mettiamo il sedere su una sella, al di la del marchio, del colore e dell’allestimento. Dobbiamo dare voce e sostanza alle nostre sensazioni, ma senza mai dimenticare tutti quei fattori di soggettività che ogni bicicletta porta con se. Si, l’abbiamo scritto e affermato più volte: uno dei vantaggi di ogni bicicletta è la soggettività: “quello che va bene per me, non è detto che sia l’optimus per tutti”.

Dobbiamo essere in grado di capire e di far capire. Una bici gravel non potrà mai essere confrontata con una bicicletta aero concept, così come una bici nativa per le grandi salite non potrà essere al pari di una endurance. Perché? Spetta a noi spiegarlo.

Siti web e social sono due cose diverse

Se è vero che il web è una sorta di macro categoria, è altresì vero che i canali social ne fanno parte e ricoprono un ruolo di primaria importanza anche per quello che concerne il mondo dell’informazione: ma non sono tutto. Il canale social offre la possibilità di veicolare un input (che è cosa ben diversa dal canalizzare e creare un’informazione) con un costo contenuto (non è gratis e non costa poco), ma ad elevato rendimento e ha il compito di completare un’offerta.

Il mondo dell’informazione non è come Strava

La frase diventata celebre “se non è su Strava allora non è successo”. Noi siamo l’attività e il social channel è il nostro Strava. Quindi, se non viene visto su un canale social, vuol dire che quell’informazione non esiste? Per fortuna non è proprio così, ma non siamo molto distanti e la colpa è nostra prima di tutto.

Questa è una conseguenza della ricerca spasmodica del click, che ha fatto diventare il social lo strumento primario, tramite il quale vengono canalizzati i messaggi. Quale è stato il risultato di queste azioni? Che il rendimento viene quantificato in base alle persone che hanno visto quel post, che sia FB o Insta e non in quello che la gente ha realmente capito. Si però! Aver visto un’immagine e letto il breve testo in allegato, non significa aver assimilato un’informazione. 

Foto Matteo Malaspina
La fortuna dello sport

Lavorare in una categoria molto legata al mondo dello sport praticato e dell’informazione sportiva è una fortuna enorme. E’ la passione che diventa lavoro, è quella motivazione che ti permette di avere sempre un obiettivo diverso, giorno dopo giorno. Però è anche un lavoro ed un’attività che porta con se delle enormi responsabilità. Le responsabilità è quella nei confronti delle aziende che affidano a noi quel prodotto. Le responsabilità si tramutano in quella credibilità che dobbiamo mantenere nei confronti del lettore. Il nostro compito e obiettivo è quello di creare un contenuto che permette di capire. Il nostro compito è quello di spiegare perché una geometria votata al gravel si differenzia da una specifica per il settore strada, che differenze ci sono tra un paio di gomme e le altre, se pur della stessa categoria. Dobbiamo far capire che le bici che usano i pro sono come macchine da F1; molti di-noi-non sono neppure in grado di accendere una macchina del genere. Fare e corollare con belle foto aiuta e completa l’informazione. Adeguarsi alle esigenze moderne e fare anche dei video: perché no, ma il focus sarà sempre quello di fare dell’informazione con della sostanza.

a cura della redazione tecnica, immagini redazione tecnica e 6Stili e Rupert Fowler per BCA, Matteo Malaspina.

4actionsport.it

 

Articolo precedenteSospensione MTB: gli schemi più diffusi
Articolo successivoSanta Cruz FSA Pro Team punta in alto
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità