Pubblicità
Home Ciclismo Eventi La Granfondo WHYsport Città di Valdagno cambia tutto
Pubblicità

La Granfondo WHYsport Città di Valdagno cambia tutto

0

Granfondo WHYsport 2018, si cambia tutto, per una quarta edizione che vuole essere un successo. La manifestazione ciclistica amatoriale del veneto cambia data, spostandosi al 29 Aprile, anticipando di un mese rispetto allo scorso anno. Una scelta per venire incontro alle esigenze dei corridori, trovare uno spazio più adatto nel sempre più fitto calendario, nella speranza di avere un clima “primaverile”.

Due i percorsi proposti, modificati rispetto alla passata edizione con la partenza che prevede da subito una leggera salita verso Recoaro Terme, studiata e voluta per scremare il gruppo, comuni ad entrambe i tracciati. Il lungo, prevede un percorso con tante brevi ascese da affrontare a tutta, senza respiro, per complessivi 133 km per 2.670 metri. Il medio invece è di 82 km per 1.680 metri di dislivello positivoEpicentro della corsa come sempre Piazza Cavour a Valdagno, dove verrà dato il via alle ore 9:00 per entrambi i tracciati.

Le iscrizioni sono già aperte e, anzi, gli organizzatori hanno scelto di anadare incontro ai partecipanti con una promozione speciale: fino al 31 marzo si pagheranno 35 euro con seconda griglia garantita e un buono omaggio del valore di 30 euro da spendere online sul sito whysport.it oppure presso il punto vendita WHYsport al villaggio di gara nel weekend dell’evento ciclistico.
Ma le sorprese non finiscono qui: per le squadre che effettueranno almeno 6 iscrizioni il costo pro capite scende a 20 euro con in omaggio un kit di prodotti WHYsport della nuova linea endurance.
L’iscrizione può avvenire in due modi:  A po online con pagamento via carta di credito o paypal, oppure con bonifico bancario, con le coordinate che perverranno con la mail di avvenuta registrazione dell’iscrizione.
Le iscrizioni possono essere effettuate tramite:
 Ciclosportservice(tel. 02.714298, 02.70121099, ciclocircuiti.it).
Articolo precedenteCome pulire la tua corda d’arrampicata
Articolo successivoOzone: entra nel mercato del twintip con la nuova Code V1
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità