Home Ciclismo News Le novità di B’twin

Le novità di B’twin

0

Le calzature

B’twin 900 è la scarpa, 100% Made in Italy, prodotta su specifiche B’twin per un pubblico di agonisti. Le 900 che vedete qui nelle immagini, sono l’evoluzione del modello proposto ad oggi tramite il sito e i punti vendita Decathlon. La tomaia è forata al laser per una maggiore e migliore ventilazione, con il diametro dei fori che aumenta man mano che si passa verso la porzione posteriore. Questa soluzione permette all’aria di entrare anche se il flusso non è diretto (come avviene nella parte maggiormente esposta, frontale e laterale).

Rispetto alla precedente versione, la nuova 900 ha due rotori A-top, senza velcro frontale. Entrambi i rotori e il loro cavo, sfruttano 4 punti di ancoraggio, per una migliore distribuzione della pressione in fase di chiusura e per un migliore adattamento della tomaia al piede. Il tallone, la sua parte interna, ha due imbottiture che evitano lo scalzamento durante le fasi di trazione.

Rosa e azzurro, cangianti, con il richiamo in black, abbinati tra loro, le colorazioni che riprendono il segmento race di B’twin. Alcuni numeri: 280 grammi nella taglia 43, con la suola 100% full carbon (il suo valore di rigidità è tra i maggiori della categoria) e sarà venduta a 130 euro. Queste calzature saranno disponibili al pubblico a partire dalla fine dell’estate 2018.

Segue…

1
2
3
4
5
Articolo precedenteCutback Bamboo: weekend di surfskate in rosa
Articolo successivoWind alert: 10-11 marzo
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui