MCipollini Bond2 per il granfondista moderno

0

MCipollini Bond2, la seconda generazione della bici per le “lunghe distanze” del brand italiano. Design accattivante che non rinuncia ad una aggressività diventata una sorta di marchio di fabbrica, linee filanti e un carro posteriore scaricato per aumentare comfort e stabilità, oltre alla disponibilità in versione rim brake e disc.

In questa immagine e nella foto che apre l’articolo si notano la forcella a steli dritti e gli stays del carro con il gomito, comune a quelli obliqui e orizzontali bassi.

Quando in primavera abbiamo avuto l’occasione di provare la MCM Allroad in configurazione gravel, l’aspetto che ci ha colpito maggiormente è stato la versatilità di un prodotto che non nasconde il suo animo racing, un buon grado di comfort, una notevole stabilità, celate sotto un design muscoloso e deciso. Qui sotto riprendiamo il test della MCipollini MCM Allroad gravel.

MCipollini MCM Allroad una gravel da full gas

Anche nel caso della Bond2, bellezza e stile si fondono nelle forme muscolari, tese e nervose che non trovano paragoni nel mercato, il tutto fa da corollario ad una fibra di carbonio di altissima qualità. Con o senza freni a disco, Bond2 ha un frame in carbonio T800 HM, con finitura 3K, prodotto grazie a nuove tecniche di laminazione della fibra composita. Gli inserti in alluminio (in cnc) sono ridotti al minimo, solo dove è necessario, per ridurre il peso e per garantire una elevata integrità della fibra. La scatola del movimento centrale è naturalmente predisposta al press fit, con diametro da 41 mm e una larghezza di 86,5. Il seat-post è full carbon, studiato per questo modello e il serraggio tramite una vite a brugola è integrato nel profilato orizzontale; non è previsto il collarino.

Un’immagine della forcella in versione disco, con perno passante tradizionale 12×100 mm, il posteriore ha 12×142.

Le taglie disponibili sono cinque, dalla XS alla XL, per altrettante colorazioni. Il valore alla bilancia dichiarato: 990 grammi per la configurazione rim, 1020 per quella disco, entrambe in taglia M.

Oltre al fodero basso si nota l’innesto, una sorta di monobox, tra piantone, foderi bassi pr l’appunto e scatola del movimento.

IL CONCEPT

MCipollini Bond2 è la bici stradale della collezione 2020 che nasce per i granfondisti della nuova generazione, atleti che dal comfort del mezzo sono capaci di trarre molti vantaggi per una performance di qualità, una bici per molti e per qualsiasi tipologia di tracciato. Le geometrie, rispetto alla media dei prodotti MCipollini, non vengono stravolte ma confermano la volontà di ricercare un comfort ottimale e piacere di guida. Ad esempio, la taglia media ha un angolo del piantone di 73,8°, con un avantreno aperto a 72,2 e un passo totale di poco inferiore al metro. Tutto questo si traduce in agilità ma anche facilità di controllo anche nei cambi di direzione repentini e spazi stretti. Più basso della media, a parità di taglia, il tubo dello sterzo di 136 mm.

mcipollini.com

Articolo precedenteUNDER ARMOUR presenta il suo OUTDOOR
Articolo successivoEurpark Surfskate Contest
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui