MCipollini lancia Dolomia sottile superlight

0
MCipollini lancia Dolomia sottile superlight
mcipollini dolomia

MCipollini ci aveva abituato a biciclette tanto uniche nel design, quanto performanti e muscolose. Dolomia è prima di tutto differente proprio in questo, nelle sue forme e nello shape delle sue tubazioni che ci mostrano una bici raffinata ed elegante. Le geometrie? Decisamente race.

MCipollini lancia Dolomia sottile superlight
Un’immagine che mostra la differenza dei volumi, mai esagerati, di foderi posteriori, piantone e tubazione obliqua. Qui anche la scatola del movimento centrale

La prima MCipollini sviluppata per la salita

Proprio così, la Dolomia nasce per far collimare la bontà costruttiva e le necessità degli scalatori. Grazie a Dolomia, le bici Cipollini entrano di fatto e per la prima volta, nel mondo delle biciclette superleggere e percorsi che prevedono dislivelli importanti.

 

Telaio

MCipollini lancia Dolomia sottile superlight
Il design e la sezione della tubazione dello sterzo. Si nota anche il volume della tubazione obliqua che si allarga, con una sorta di profilo votato all’aerodinamica.

in un blocco unico

Dal punto di vista tecnico scriviamo di un telaio che è un vero monoscocca in carbonio: Dolomia è un blocco unico. È costruito grazie alla tecnologia TCM, dove triangolo anteriore e tutto il carro posteriore sono una cosa sola: non sono uniti in un secondo momento. Il tessuto utilizzato è di matrice 3K, visibile anche ad occhio nudo. Il design è molto moderno, accattivante, con una tubazione sterzo sagomata, che diventa naturale alloggio per la forcella full carbon a steli dritti (370 grammi). Il profilato orizzontale contiene il suo volume nella sezione centrale, per aumentare alle due estremità. Questo si traduce nella capacità di limitare le torsioni sull’avantreno e zona del seat-post.

MCipollini lancia Dolomia sottile superlight
Il carro posteriore nella sua completezza.

Carro ad inserzione ribassata

I foderi posteriori hanno un’inserzione ribassata al piantone. La scatola del movimento centrale è ben strutturata (press-fit 86,5 mm di largheza), con forme importanti ma che ben si adeguano al design complessivo del progetto. Scriviamo di un telaio che, nativo per i freni a disco, ferma l’ago della bilancia a 780 grammi dichiarati (tg.media). Oltre alle colorazioni ed allestimenti a catalogo, Dolomia è personalizzabile attraverso la piattaforma Mycipo. Cinque le taglie disponibili: xs, s, m, l, xl.

Contiamo di averla prossimamente in test per trasmettervi le nostre sensazioni.

mcipollini.com

Articolo precedenteLIVING SARDINIA – Experience Camp
Articolo successivoRusty Toothbrush: Circus on Ice
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui