Pubblicità
Home Ciclismo News Occhiali Bollé e il test virtuale dei prodotti
Pubblicità

Occhiali Bollé e il test virtuale dei prodotti

0
Occhiali Bollé e il test virtuale delle lenti
QR occhiali Bollé

In realtà, Bollé non è solo sinonimo di occhiali, perché il listino è ampio e tocca diverse discipline. Però gli occhiali Bollé sono una sorta core per l’azienda francese che grazie al filtro AR ha portato una vera novità nella categoria. Provare e testare un prodotto, ora è possibile farlo anche in modo virtuale.

Occhiali Bollé e il test virtuale delle lenti

Occhiali Bollé e il Filtro AR

Grazie a questa tecnologia, a Bollé è stato conferito il Webby Award, un importante riconoscimento internazionale che premia ed onora le eccellenze di internet ed è strettamente legata all’Accademia Internazionale delle Arti e Scienze Digitali IADAS. Questo strumento ha permesso ai consumatori di indossare virtualmente i caschi e gli occhiali Bollé, ma anche di provare a distanza la visione attraverso la sua esclusiva tecnologia di lente Phantom.

Un successo anche per la rete vendita

Questo filtro ha cambiato e sta cambiando il mondo della vendita al dettaglio, consentendo ai rivenditori di acquisire vendite a distanza senza nessun contatto. Il grande successo del filtro ha spinto Bollé ad ampliarlo alla collezione primaverile ed estiva, con a breve l’arrivo di una nuova versione per provare i nuovi occhiali. Bollé, in collaborazione con QReal e M7 Innovations ha sviluppato una tecnologia avanzata per esaltare esperienze di atleti ed appassionati di outdoor. Il filtro trasmette fedelmente la visone che si avrebbe indossando una lente Phantom di Bollé, disponibile su occhiali da sole e maschere da sci. Provarla è semplice con il QR code. (immagine di apertura).

Occhiali Bollé e il test virtuale delle lenti

A proposito del Webby Awards

Considerato “il più alto riconoscimento di internet” dal New York Times, il Webby Awards è la principale organizzazione internazionale che premia l’eccellenza su internet, compreso siti web e siti mobile, Video, Pubblicità, Media & PR, Apps e Software, Social, Podcast, Giochi. Istituiti nel 1996, quest’anno i Webby Awards hanno accolto circa 13,500 adesioni da 50 stati e 70 paesi in tutto il mondo. I Webby Awards sono presentati dall’Accademia Internazionale delle Arti e delle Scienze Digitali (IADAS). Gli sponsor e partner del Webby Awards includono: WP Engine, Marketerhire, Slack, YouGov, BASIC, KPMG, Wall Street Journal, AIGA, Podcast Movement, Fast Company, e Social Media Week.

a cura della redazione tecnica, immagini courtesy Bollé.

bolle.com

 

 

Articolo precedenteOpen Bike Fest di Treviso, cambiano le date
Articolo successivoLimar Air Speed Superlight, un gran bel casco
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità