Pubblicità
Dolomiti
Home Mtb Test Poc Kortal Race MIPS protezione a 360 gradi
Pubblicità

Poc Kortal Race MIPS protezione a 360 gradi

0
poc kortal race mips review - cover

Poc Kortal Race MIPS mette la sicurezza prima di tutto, con il suo completo bagaglio di caratteristiche innovative, per un casco pensato per tutti i biker che amano girare forte senza usare un modello full face.

Il marchio svedese è attivo sulla scena dal 2005, iniziando il suo percorso nel mondo dello sci alpino. Da anni sta investendo in modo deciso nel ciclismo, con il catalogo che è cresciuto in modo esponenziale.

Quest’anno Poc (che ricordiamo significare “Piece Of Cake”, fetta di torta) ha rinnovato l’offerta anche e soprattutto nel settore off-road, con l’introduzione del nuovo casco aperto Kortal. La sua particolarità? Il look che si discosta in modo deciso dalla produzione precedente, portando il livello di protezione a un livello superiore.

poc kortal race mips review - 01Poc Kortal Race MIPS: il design

Abbiamo ricevuto Kortal Race MIPS in colorazione Fluorite Green/Uranium Black Matt (altre tre disponibili) e in taglia M/55-58 (anche S/52-54 e L/59-62). Le dimensioni sono sopra la media, con un guscio spesso e un’audace forma ricca di spigoli vivi, che contrasta con il profilo arrotondato del precedente modello di riferimento per trail/enduro Tectal Race (qui il nostro test).

Kortal Race MIPS e Tectal Race SPIN NFC a confronfo

L’estetica particolare ha anche ragioni funzionali: si basa sul concetto AVIP (Attention Visibility Interaction Protection) introdotto per la prima volta sui prodotti per il ciclismo su strada, con forme squadrate e colori vivaci che aiutano i biker a essere più visibili. Cambia il design ma anche la vestibilità, con la taglia M che calza leggermente più stretta rispetto a M/L di Tectal Race, quindi consigliamo di provare il casco prima di acquistarlo per maggiore sicurezza nella scelta.

In fatto di sicurezza, siamo ai massimi livelli. Troviamo l’ultima interpretazione del sistema di protezione dagli urti rotazionali, chiamata MIPS Integra (qui la nostra news). È fondamentalmente uno strato a basso attrito, applicato direttamente sulla calotta interna in EPS, fornendo il comfort di una classica imbottitura e un certo grado di libertà di rotazione contro di esso.

poc kortal race mips review - 02MIPS Integra

MIPS Integra offre diversi vantaggi rispetto al classico MIPS, a partire dal fatto che non richiede più l’aggiunta di una fodera dedicata, applicata tra la calotta del casco e l’imbottitura, dando maggiore libertà d’azione ai designer. Spariscono anche i rumori molesti, che si verificano a volte sui caschi dotati del classico MIPS quando il casco si muove leggermente sulla testa.

I cuscinetti dell’imbottitura sono riempiti con una sostanza a base di silicone, assimilabile a un gel, che presenta tratti in comune con quella che Poc chiamava Spin (Shearing Pads Inside), applicata all’interno del casco Tectal. Questi cuscinetti aggiungono comfort oltre a offrire un certo grado di libertà di rotazione, contribuendo all’efficacia del sistema MIPS.

poc kortal race mips review - 03Massima sicurezza

Altre caratteristiche per la sicurezza includono il riflettore Recco, un piccolo transponder elettronico che pesa meno di quattro grammi, destinato ad aiutare le squadre di soccorso nella localizzazione del biker in caso di incidente al di fuori di un sentiero battuto. Troviamo anche un chip NFC che memorizza le informazioni mediche vitali e fornirle ai soccorritori dotati di lettore dedicato nel caso vi trovino incoscienti e incapaci di comunicare il gruppo sanguigno o allergie gravi, ad esempio. Sono caratteristiche che possono apparire come semplici gadget, ma non è così difficile immaginare scenari in cui potrebbero effettivamente salvare la vita, e per questo – sacrosanto – motivo Poc continua a implementarle.

poc kortal race mips review - 04Per completare la panoramica delle caratteristiche di sicurezza, la visiera è progettata per saltare via in caso di incidente, per evitare che si impigli e potenzialmente causi la torsione della testa, inoltre la calotta in EPS è stata estesa intorno a tutta la testa per coprire il più possibile le aree critiche. Non manca il classico Aramid Bridge (ponte in aramide) che fornisce una resistenza supplementare nella parte esterna del guscio. Poc Kortal Race MIPS soddisfa il nuovo standard NTA 8776, nato in Olanda per i caschi da eBike, comprese quelle denominate S-Pedelec che assistono il biker sino a 45 km/h: impone test d’impatto più esigenti rispetto ai tradizionali EN e CPSC.

Calzata e regolazione

Sul versante del comfort, il nuovo casco Poc presenta il classico sistema di regolazione interno, in circonferenza agendo sulla rotella micrometrica collocata sulla nuca, e in altezza, spostando il sistema all’interno con tre posizioni disponibili. Le cinghie laterali partono dalla calotta, non presentano regolazione ma questo non è un limite. La chiusura sottogola è classica a clip.

poc kortal race mips review - 05La calzata è comoda e profonda, come da attese. Il casco scende in modo deciso su fronte, tempie e nuca, con un’evidente sagomatura per seguire il profilo delle orecchie. L’imbottitura MIPS Integra è minimale, applicata nella metà anteriore del casco. Le evidenti scanalature interne seguono le ampie prese d’aria che attraversano il casco dal fronte al retro, con un’aerazione da primo della classe. La grande visiera in stile MX può essere fissata su quattro posizioni, sfruttando un inedito blocco collocato nella parte superiore, così da lasciare il giusto spazio per la maschera da MTB.

On The Trail

Come scritto nella descrizione del casco, il comfort è elevato e la ventilazione è molto efficace. La capacità di regolare la vestibilità sia per circonferenza sia per altezza, così come la posizione di fissaggio dei cinghietti sono dei vantaggi indiscussi. Kortal Race MIPS offre anche una grande stabilità sulla testa, merito della calzata giustamente profonda, che si richiede a un moderno casco aperto destinato a impieghi trail/enduro.

poc kortal race mips review - 06Il posizionamento della visiera è semplice e già in posizione completamente abbassata non intralcia il campo visivo del biker. Solo chi usa spesso una mascherina e/o desidera riporre gli occhiali con le stanghette infilate nelle prese d’aria laterali, apprezzerà la possibilità di alzarla in modo evidente. Può sfuggire un accorgimento molto utile: l’elastico della maschera da MTB non ostruisce i canali di ventilazione posteriori, essendo adagiata sull’ampia sezione centrale dove campeggia il logo Poc. Abbiamo solo trovato una leggera interferenza con occhiali dalle stanghette con altezza sopra la media, a causa del profilo laterale molto basso sulle tempie.

Per finire, il sistema MIPS Integra è realmente minimale e – finalmente! – limita all’essenziale l’ingombro nella parte interna del casco, unendo in modo esemplare sicurezza e comodità.

poc kortal race mips review - 07Conclusioni

Conosciamo bene l’approccio di Poc che mette la sicurezza prima di tutto. Il nuovo casco Kortal Race MIPS non fa eccezione, con il suo completo bagaglio di caratteristiche innovative, pensato per tutti i biker che amano girare forte senza usare un casco integrale.

Disponibile con o senza MIPS – rispettivi prezzi di 250 e 200 € – questo è un casco che veste bene, è molto stabile e ben ventilato, oltre a superare i più recenti standard per la protezione dagli impatti.

Info: Pocsports.com

Poc Kortal Race MIPS massima sicurezza per la testa del biker

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità