Proaction Toasty Bar la barretta energetica salata

0

Proaction Lancia Toasty Bar, una barretta energetica pensata per chi preferisce i gusti salati, oppure alternale il dolce e il salato, durante l’attività fisica, oppure negli spuntini durante la giornata. Proaction Toasty Bar è una barretta naturale e gustosa a base di mandorle, pistacchi e anacardi con l’aggiunta di spirulina, quest’ultima particolarmente per le sue proprietà di sostegno all’organismo. La frutta secca, oltre ad offrire un notevole apporto energetico è ricca di sali minerali, vitamine e offre un elevato potere anti ossidante.

Proaction Toasty Bar è ideale per tutti gli sportivi che praticano sport di resistenza e lunga durata ( ad esempio triathlon, ciclismo, trail running) e per quelle attività sportive in montagna. Toasty Bar è utile da inserire in una strategia integrativa, alternata a barrette e gel composti da soli carboidrati, in quanto è una fonte a elevato contenuto energetico per gare e allenamenti che richiedono un importante dispendio energetico. Non solo: questa barretta può trovare una particolare efficacia anche a colazione, associata ad un frutto, ad una spremuta ma anche a ridosso oppure dopo un allenamento. Tre i gusti disponibili: mandorle salate, anacardi tostati, pistacchi tostati.

proaction.it

Articolo precedenteVaude e la sua membrana ecofriendly Ceplex Green
Articolo successivoASOLO, M. Sancandi nuovo Direttore Commerciale EU
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui