Pubblicità
Home Mtb How To Pulizia della bici, la guida pratica
Pubblicità

Pulizia della bici, la guida pratica

0
Pulizia bici - cover
Muc-Off Pressure Washer in azione

La pulizia della vostra bici non deve necessariamente essere un compito noioso se seguire i nostri consigli.

Il momento migliore per pulire la bici è proprio alla fine di un giro, quando tutto quel fango che avete accumulato è ancora umido. Se non lo fate, si asciugherà e diventerà molto più difficile da rimuovere. Il calore e il passare del tempo accelerano anche la formazione di un composto inorganico chiamato Fe2O3, conosciuto da tutti noi come ruggine. Se lasciata troppo a lungo – ad esempio sulla catena – porterà quasi sicuramente a riparazioni costose.

Pulire la bici: il kit essenziale

Pulizia bici - kit
Idropulitrice specifica con set di spazzole e l’indispensabile detergente spray

L’unica opzione è quella di preparare un kit per la pulizia della vostra mountain bike. A un livello molto semplice, questo può essere costituito da un secchio, una spazzola, una spugna e un detergente multiuso. Sarete in grado di eliminare il grosso dello sporco, ma dovrete mettervi d’impegno e, in autunno ma soprattutto in inverno, soffrirete parecchio freddo. Un paio di guanti spessi in gomma non è affatto male in queste condizioni, ma se volete davvero rendere il processo di pulizia molto più piacevole, vale la pena investire in un’idropulitrice dedicata per le biciclette.

Sono in commercio da diversi anni, la maggior parte delle caratteristiche comuni prevede un serbatoio d’acqua interno, un tubo a cui è collegata una lancia dalla pressione regolabile, e una batteria ricaricabile collegabile alla presa di corrente o all’accendisigari. La pressione limitata, per non danneggiare alcune delicate parti della bici, non è in grado di eliminare lo sporco più resistente, così sarà sempre necessario avere in dotazione il kit base formato da secchio, spazzola e detergente, oltre agli indispensabili guanti in gomma.

Muc-Off Pressure Washer
Muc-Off Pressure Washer, idropulitrice dedicata alla bici

Per fortuna negli ultimi tempi le cose sono cambiate e alcuni produttori lungimiranti hanno messo in commercio idropulitrici ancora più complete (come Muc-Off che vi abbiamo presentato qui). Non sono economiche, ma con gli accessori inclusi – come spazzole e serbatoi integrati per il detergente – permettono di lavare una MTB in pochi minuti, e questo significa meno tempo passato in mezzo allo sporco e all’umido – e al freddo per la stagione invernale – giustificando il loro prezzo elevato.

Pulizia bici - kit
Un kit completo per la cura dell’amata mountain bike

Come pulire la MTB: guida in pillole

01 Prima di pulirla, fate un breve giro, comprimendo le sospensioni e forzando qualche saltino, per forzare lo scarico i detriti più rognosi da gomme e telaio.

02 Fissate la bici su un cavalletto da pavimento. Se non lo possedete, appoggiatela per terra, ribaltandola, prestando attenzione a manubrio e sella.

03 Non è indispensabile, ma uno sgrassante forte può tornare utile per eliminare le incrostazioni di sporco e olio più tenaci. Scegliete un prodotto biodegradabile e rispettoso delle parti delicate della bici, dalle guarnizioni in gomma alla vernice passando per i cuscinetti.

Pulizia bici - sgrassante forte Muc-Off
Sgrassante forte per lo sporco più tenace, da usare anche e soprattutto sulla trasmissione – foto: Muc-Off

04 Iniziate bagnando il telaio per ammorbidire il fango. Spruzzate poi il detergente spray per aiutare lo sporco a scivolare via.

05 Avrete bisogno di un buon set di spazzole, di diversa dimensione e durezza, per una perfetta pulizia. I prodotti specifici per auto e moto vanno bene, altrimenti scegliete un kit dedicato per la mountain bike.

06 Iniziate dalle aree principali, rimuovendo lo sporco compatto da telaio, forcella, e carro posteriore. La regola è di procedere sempre dall’alto verso il basso.

Pulizia bici - spazzole
Spazzole di diversa dimensione e durezza, tra cui quella per la trasmissione

07 Le parti più difficili da pulire sono le ruote e gli pneumatici. Non ci sono spazzole specifiche, serve solo il giusto impegno.

08 Proseguite poi, con una spazzola più piccola, per eliminare il resto del fango dalle zone più difficilmente raggiungibili, come l’interno dei foderi del carro, l’archetto della forcella, gli snodi e link dell’eventuale sospensione posteriore.

Pulizia bici - panno e guanti
Panno-carta e panno in microfibra per asciugare in modo accurato la bici dopo averla lavata

09 La trasmissione richiede particolare attenzione. Potete usare un pulitore dedicato per la catena, in ogni caso spazzole piccole e dure sono perfette per rimuovere le incrostazioni più rognose dalle pulegge del cambio, dalla cassetta, e dalle corone. Potrebbe tornare di nuovo utile lo sgrassante forte, lasciandolo agire qualche minuto.

10 Rifinite il telaio, le sospensioni e le ruote con una spugna, dopodiché sciacquate abbondantemente tutta la bici. Ribaltatela, scuotetela qualche volta, per eliminare gli eccessi di acqua. Infine asciugate con un panno in microfibra. Usate invece un panno-carta per la catena e la trasmissione.

Controlli MTB - catena
Lubrificate la catena dopo averla accuratamente pulita e asciugata

11 Lubrificate la catena, mettete qualche goccia di fluido specifico per sospensioni intorno ai parapolvere della forcella, dell’ammortizzatore e del telescopico. Dopo averli compressi un paio di volte, eliminate ogni residuo di sporco e/o lubrificante.

12 Applicate infine un rivestimento protettivo di silicone spray. Questo impedirà al fango di attaccarsi facilitando la pulizia della bici la prossima volta, oltre a darle un aspetto più lucente e piacevole.

Il setup degli appoggi su una mountain bike

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità