Pubblicità
Home Ciclismo Eventi ReStelvio, Mapei Day 2018, bisogna esserci

ReStelvio, Mapei Day 2018, bisogna esserci

0

Sono i 21 km tra i più ambiti e conosciuti del ciclismo, sono quelli del Passo dello Stelvio, dedicati a tutti gli appassionati dello sport. ReStelvio Mapei Day è un appuntamento che si ripete da tante stagioni, un evento di sport e turismo che coinvolge ciclisti, podisti, camminatori e amanti delle salite in genere, tutti padroni della montagna per un giorno.

Il programma prevede la partenza dai 1225 metri di altitudine di Bormio, per salire ai 2758 metri del Passo dello Stelvio, per un dislivello positivo di 1533 metri: il kilometraggio totale è di 21,097 km. Il programma ufficiale prevede i seguenti passaggi:

domenica 8 luglio

ore 8.50MEZZA MARATONA (riservata ai tesserati Fidal o Enti di propaganda)
ore 9.00PARTENZA PODISTICA APERTA A TUTTI
ore 9.10RADUNO CICLOTURISTICO NON COMPETITIVO DEDICATO ALLE BICI A PEDALATA ASSISTITA
ore 9.15GARA CICLISTICA AGONISTICA RE STELVIO-MAPEI XXXIV EDIZIONE (riservata ai tesserati F.C.I. ed Enti Consulta)
Partenza categorie femminili
ore 9.30GARA CICLISTICA AGONISTICA RE STELVIO-MAPEI XXXIV EDIZIONE (riservata ai tesserati F.C.I. ed Enti Consulta)
Partenza categorie maschili
a seguireCICLORADUNO MAPEI MEMORIAL ALDO SASSI(aperto a tesserati e non tesserati, in compagnia di ex-atleti Mapei e altri personaggi dello sport)
GEMELLATO CON “PEDALA CON ALDO” DEL 21/10/2018
ore 14.00ORARIO LIMITE DI ARRIVO PER TUTTI E INIZIO DEL RIENTRO A BORMIO
ore 16.00PREMIAZIONIin Piazza Kuerc a Bormio
PROGRAMMA DI ALLENAMENTO GRATUITO PER PODISTI E CICLISTI SUL SITOwww.mapeisport.it

Articolo precedenteIchinomiya Chiba Open: Leo Fioravanti al Round 4
Articolo successivoSemaforo verde: Campionato Freestyle al Garda
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui