Pubblicità
Home Ciclismo Prodotti rh+ il test del casco 3in1 e gli occhiali Klyma
Pubblicità

rh+ il test del casco 3in1 e gli occhiali Klyma

0
rh+ il casco 3in1 e gli occhiali Klyma

Dopo aver presentato (e provato) le novità della collezione rh+, per quanto concerne i capi tecnici, la nostra attenzione si sposta su altre due novità dell’azienda lombarda: il casco 3in 1 e gli occhiali Klyma. Entriamo nel dettaglio.

rh+ il casco 3in1 e gli occhiali Klyma

rh+, casco e occhiali sempre di qualità

Per rh+ avere nel catalogo due prodotti come il casco e gli occhiali non è una novità, perché da sempre il brand lombardo è sinonimo di completezza in termini di offerta. In questo caso specifico però, a nostro parere viene fatto un passo in avanti, soprattutto con il casco. Proprio il 3in1 (è questo il nome che è anche identificativo) ha come soggetto la principale la versatilità, perché è un casco da road che può diventare da mtb, ma anche abbondantemente sfruttabile nel gravel. Gli occhiali Klyma sono una conferma, perché sono leggeri e belli da vedere, hanno una lente di categoria3 nitida e che non mostra distorsioni particolari e perché, proprio la lente è intercambiabile. Infatti, la confezione prevede anche una lente arancio, per le condizioni di crepuscolo e/o notturne.

rh+ il casco 3in1 e gli occhiali Klyma

Il casco 3in1

Si tratta di un casco che è costruito con la tecnica In-Moulding, dove la calotta esterna e quella interna sono stampati insieme in un blocco unico. A questo si unisce l’annello perimetrale, sempre in policarbonato e che ha l’obiettivo di aumentare la resistenza del casco in caso di impatto. 

rh+ il casco 3in1 e gli occhiali Klyma

rh+ 3in1 è dotato di due visiere amovibili, facili da montare. Una è più ampia e adatta alla pratica mtb, la seconda è più piccola, con ingombri frontali contenuti e adatta ad un’impiego gravel. L’imbottitura interna è un pezzo unico che prevede anche la retina anti-insetti, leggera e con un foam a celle aperte, che limita l’ascesa della temperatura in caso di caldo intenso. Il sistema di chiusura e di regolazione della taglia sono composti dalle fibbie alleggerite e dal rotore posteriore che agisce anche sul perimetro. Gli appoggi posteriori sono regolabili in altezza. Inoltre, i due filler laterali che si allungano dal rotore, verso l’interno, hanno dei piccoli inserti in gomma che attutiscono le vibrazioni e rumosi dovuti al contatto con la calotta.

rh+ il casco 3in1 e gli occhiali Klyma

Il design e lo shape sono compatti, per un casco che ha delle dimensioni contenute e gratificante (in fatto di immagine) per chi ha un viso piccolo. La sezione superiore e posteriore sono arrotondate. Sopra le orecchie, nella zona temprale, c’é spazio a sufficienza per le aste degli occhiali. Davvero interessante il prezzo, anche in considerazione della qualità e delle rifiniture che mostra il casco, 99,90 euro di listino. Il valore alla bilancia rilevato è di 230 grammi (senza visiera), nella taglia media.

Gli occhiali rh+ Klyma

Un gran bel prodotto, grazie a diversi fattori combinati tra loro.

  • Ha una montatura leggera e ben fatta, con il design delle aste che tende a scendere man mano che si sposta verso i terminali in materiale grippante. La sua leggerezza non influisce in maniera negativa sulla stabilità, che anzi, è a livelli ottimi.
  • I due punti di appoggio del nasello sono regolabili e morbidi. Lo stesso nasello è un tutt’uno con il frame e funge anche da blocco per la lente.
  • Abbiamo provato la versione con lente scura e specchiata, di categoria3, per condizioni di sole e luce intensi. Non è per nulla invadente e stancante e ha una definizione eccellente. Non è fastidiosa nel caso in cui l’ambiente circostante diventi buio e perda la luce.
  • La lente è aerata nella parte superiore, è amovibile ed è facile smontarla ed è sagomata. Il suo design non crea fastidi ai lati e sugli zigomi. La confezione prevede anche una lente arancio.
rh+ il casco 3in1 e gli occhiali Klyma
In questa immagine anche il kit, bibshort e jersey, Prime Evo e Superlight.

In conclusione

Ci piace in modo particolare il concetto dal quale nascono questi prodotti rh+, in particolare il casco. Ad esempio il casco 3in1, utile-di-fatto, per la compagine road e per quella off road, con un occhio al gravel che è sempre più in auge. Inoltre è anche semplice da gestire, perchè le visiere sono facili montare e smontare, non hanno magneti e non prevedono particolari ganci e complicazioni. Occhiali e casco uniscono delle buone doti tecniche alla praticità, alla leggerezza e un design moderno. A nostro parere, 3in1 e Klyma non hanno limiti di utilizzo e si rivolgono a diverse categorie di utilizzatori, con differenti interpretazioni. Anche questo è un pregio e non è un fattore scontato.

a cura della redazione tecnica, immagini Sara Carena.

zerorh.com

Articolo precedenteLUT, ovvero LA SPORTIVA LAVAREDO ULTRA TRAIL
Articolo successivoStorie di biciclette, di sfide e di amicizia
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità