Rotor INspider power meter modulabile per tutti

0
ruta-segovia-beneli-cesarlloreda

Possiamo considerarlo come la quarta generazione del misuratore di potenza firmato Rotor, dopo Power, INpower e 2INpower. Il power meter di Rotor in questione è un leggero spider per la pedivella che integra un rilevatore di watt, compatibile con le corone Rotor (doppie e monoring, con 4 bulloni), con le guarniture Rotor modulari e utilizzabile in ambito road e off road.

Ecco che prende vita un sistema che in parte si slega dalla pedivella vera e propria, lo spider per l’appunto: il misuratore e i suoi componenti non sono più “nascoste” all’interno del perno passante. Le caratteristiche principali sono 200 ore di autonomia della batteria, quest’ultima integrata e ricaricabile, la possibilità di essere montato su assi con diametro di 24 o 30 mm, senza dimenticare una app Rotor Power, completamente rivista, per i dispositivi mobili, da cui è possibile configurare e gestire il misuratore, oltre che analizzare i propri dati del training.

A questo dobbiamo aggiungere la possibilità di usare lo strumento nelle configurazioni road e off road, magari in combinazione con la trasmissione 1×13 di Rotor: infatti, tra le guarniture modulari, troviamo anche la Kapic, specifica per mtb. Il prezzo del power meter è di 649 euro, concorrenziale e aggressivo, include solo lo spider.

A cra della redazione tecnica, foto Rotor

rotorbike.com

Articolo precedenteFrancesco Ratti scalare il Denali veloci e leggeri
Articolo successivoSven Thorgren entra in “Spektrum”
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui