Home Ciclismo Tecnica Ruote contraffatte, quando il problema è di tutti
Pubblicità

Ruote contraffatte, quando il problema è di tutti

0
Ruote contraffatte, quando il problema è di tutti

La contraffazione è un argomento sempre attuale, un problema che in qualche modo coinvolge tutti, le aziende e i consumatori. Mavic ha condotto dei test sulle ruote “non originali” e ci sembra coretto fare una pubblicazione dedicata a questo argomento. Non si tratta di difendere o meno un’azienda, perché gli argomenti sono diversi e le linee di pensiero sono le più disparate (ogni testa un mondo). Coerenza (anche quella del consumatore), affidabilità, ricerca e sviluppo del prodotto, credibilità della stessa azienda, posti di lavoro e sicurezza (in un ordine casuale).

Ruote contraffatte, quando il problema è di tutti

I test sulle ruote contraffatte

“Senza tanti giri di parole”. Nei mesi scorsi si sono verificati una serie di incidenti nella parte nord della Francia, utenti in bicicletta che hanno avuto dei problemi con la sicurezza del comparto ruote della bici. Da li si sono attivate una serie di ricerche che hanno portato alla scoperta di diversi prodotti contraffatti e che portavano il marchio Mavic. Oltre ad alcune differenze, percepibili al primo sguardo e rispetto ai prodotti originali, le ruote contraffatte non avevano nessun logo che riportasse a controlli di qualità e relativi alla sicurezza del prodotto. Ovviamente le ruote non avevano garanzie.

Al di là della modalità degli incidenti e di come vengono effettuate le seguenti verifiche, ci domandiamo se ha senso rischiare!

Cosa accade

  • Frenata non efficiente.
  • Deformazione, delaminazione e distruzione del cerchio ben prima delle tempistiche standard di validazione.
  • Instabilità e mancanza di sicurezza nel comparto raggi.
  • Distruzione dei mozzi e possibilità di disassemblamento di questi ultimi.

Ma vale davvero la pena rischiare?

La domande è sempre quella, ma evidentemente la sicurezza personale passa in secondo piano, perché al primo c’é il risparmio dei soldi. E poi, quale è il reale risparmio? Vale davvero la pena rischiare la vita, perché anche di questo si tratta!

a cura della redazione tecnica, immagini courtesy Mavic.

Di seguito, un paio di link di ufficiali Mavic che permettono di verificare i propri prodotti.

tech-mavic.com

mavic.com/care

Articolo precedenteBollé Adapt MIPS e B-Rock Pro il nostro test
Articolo successivoShimano Explorer nuova collezione di abbigliamento MTB
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità