Pubblicità
Home Ciclismo Test Ruote: road e gravel con la stessa coppia ruote
Pubblicità

Ruote: road e gravel con la stessa coppia ruote

0
Ruote bici: road e gravel con le stesse ruote
Mozzo posteriore della Kru C38D

La Kru C38D è per certi versi il soggetto di questo approfondimento, una coppia di ruote con cerchio full carbon, profilo da 38 millimetri e che nasce con un road concept di ruota per percorsi misti. Noi abbiamo estremizzato il suo utilizzo, usando questo prodotto su strada e poi su una bici da gravel. Ecco cosa ne uscito.

Ruote bici: road e gravel con le stesse ruote
Da prima abbiamo utilizzato le C38D sulla Exept, con pneumatici tubeless da 25 mm di sezione.

Le ruote road che diventano gravel

Le ruote, gioia e dolore del ciclista. Essendo anche noi pedalatori, abbiamo cercato di interpretare il pensiero di molti stradisti, che vedono nel gravel e nel ciclocross un segmento propedeutico all’attività stradistica. Non di rado le bici per pedalare sulle strade sterrate sono una sorta di ripiego. Adottano una componentistica “riciclata” dalla bici da strada, non per forza di basso livello. In molti casi queste bici sono usate nel periodo invernale, sullo sterrato e nel fango; non sono il mezzo dedicato alla competizione. Lo stradista puro e crudo mette sul gradino più alto del podio la bici road, a seguire tutto il resto, anche nel caso in cui la gravel o la cx hanno un alto valore di mercato.

In ottica off road la raggiatura radiale, anche solo da un lato potrebbe essere un limite, perché conferisce una notevole rigidità al comparto ruote. In questo caso, la tensione dei raggi, nel complesso, è di medio livello, fattore che permette un impiego trasversale del prodotto, capace di “ammortizzare e copiare il terreno” quando si pedala sullo sterrato.

Noi abbiamo usato una coppia di Kru C38D, una buona coppia di ruote e con un cerchio in carbonio dal medio profilo, ben fatte e assemblate con criterio, comode e scorrevoli, per nulla estremizzate in fatto di rigidità.

Ruote bici: road e gravel con le stesse ruote
La Trek Checkpoint SL5, equipaggiata con le Kru C38D, pneumatici Pirelle Gravel dalla sezione differenziata tra anteriore e posteriore.

Alcuni accorgimenti

Da sottolineare il fatto che in entrambe le situazioni abbiamo usate delle coperture tubeless.

  • A prescindere dal materiale del cerchio la coppia di ruote non deve essere eccessivamente leggera, per garantire una certa affidabilità e longevità, oltre che un’ottimale tenuta della centratura.
  • Meglio utilizzare una coppia di ruote con una costruzione tradizionale (ad esempio i raggi in acciaio) e che adotta una serie di prodotti standard. In caso di manutenzione e sostituzione, ad esempio i cuscinetti, dobbiamo essere in grado di reperire con facilità i pezzi di ricambio.
  • Un cerchio tubeless ready sarebbe ottimale. In ambito off-road offre maggiori garanzie (in realtà anche per quello che concerne la strada).
  • A prescindere dalla dimensione del canale interno del cerchio, le Kru l’hanno da 17 mm, lo shape del cerchio dovrebbe garantire un buon allineamento con la copertura, per far si che questa non spanci eccessivamente verso l’esterno.
  • La coppia di ruote non dovrebbe essere eccessivamente rigida e dovrebbe portare un concetto di versatilità d’impiego evidente. Questi aspetti vanno a vantaggio del divertimento, del comfort e del piacere di guida.
  • Un’altra buona soluzione sarebbe quella di utilizzare la dimensione differenziata delle coperture. Un esempio: per l’impiego gravel abbiamo usato degli pneumatici Pirelli con sezione da 35 mm posteriore e 40 anteriore.
  • Capire quale è il compromesso ottimale in fatto di pressione di esercizio. La giusta pressione di esercizio non è un dettaglio, mai. Questa può e deve “subire” delle importanti variazioni in base alla tipologia di ruote, coperture e terreno.

Le nostre conclusioni

Usare una coppia di ruote, originariamente concepite per l’impiego stradale e portarle in ambito gravel è possibile, è gratificante e anche in termini di performance ha i suoi vantaggi, ma è necessario rispettare alcune regole. Ecco che l’utilizzo di una gomma tubeless può fare la differenza, così come una raggiatura “morbida”, che ci permette di non saltellare dei canguri quando affrontiamo dei tratti molto sconnessi. Il gravel, inteso come disciplina e le bici dello stesso segmento, sotto il profilo tecnico e la loro componentistica, ad oggi adottano i medesimo standard delle bici da strada con i freni a disco: quindi, tutto è possibile.

a cura della redazione tecnica, immagini della redazione tecnica.

Articolo precedenteVideo: Drop & Roll – A Trip to the Seaside
Articolo successivo#LOFOTONICOTOUR: esplorando le isole Lofoten
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità