Sena R1 Evo il casco che è sempre connesso

0
Sena R1 Evo il casco che è sempre connesso
sena r1 evo

L’evoluzione del casco passa anche da qui, ovvero dall’integrazione del sistema di comunicazione. Sena R1 Evo permette di collegare lo smartphone via bluetooth, inoltre ha il plus della tecnologia Mesh Intercom che permette di associare altri dispositivi Sena Mesh e di comunicare in tutta sicurezza durante l’attività in bici.

Sena R1 Evo il casco che è sempre connesso
Tramite il cavo usb e la porta di entrata vicino al led posteriore, si carica la batteria in un’unica soluzione, per il sistema di comunicazione e per il led. Quest’ultimo funziona su diverse posizioni di lampeggio.

Un concetto safety amplificato

R1 Evo di Sena è l’evoluzione del modello R1, dal quale mutua il design e arricchisce la dotazione. Qui di seguito vi indichiamo il precedente test, che si riferisce al modello R1.

Sena il casco da bici con il Bluetooth integrato

In questo caso, dotazione fa rima con tecnologia e un concetto di sicurezza che va ben oltre il casco, inteso come strumento di protezione. Al protocollo Sena Bluetooth di collegamento con lo smartphone è associato un sistema di comunicazione Mesh Intercom e un led posteriore con lampeggio personalizzabile.

Sena R1 Evo il casco che è sempre connesso
Sena R1 Evo è associabile allo smartphone con la app Sena. E’ bene ricordare che il Mesh Intercom funziona senza il Bluetooth attivato, quindi non è obbligatoria l’associazione con il telefonino, a tutto vantaggio di un importante risparmio per dati e batterie.

Andiamo per ordine e partiamo dalla costruzione del casco

  • La struttura è costruita e modellata grazie al policarbonato di alta qualità, con una calotta plastica nella parte esterna.
  • Le fibbie sono regolabili e la chiusura posteriore, che avviene tramite rotella micrometrica, è regolabile anche in altezza.
  • Sena R1 Evo è dotato di Bluetooth 4.1 (il casco è compatibile con le app fitness), la radio FM e integra gli altoparlanti. Questi ultimi sono due posti sopra le orecchie e un microfono frontale sopra la fronte. L’Advance Noise Control permette di avere una eccellente qualità di ascolto e comunicazione generalizzata.
  • Una delle novità, il led posteriore ad elevata visibilità è ben integrato nel casco e ricaricabile con cavetto usb (la batteria è unica, per led e comunicazione e ha una durata dichiarata di circa 10 ore. Molto dipende dall’utilizzo del led).
  • Altra importante news è l’utilizzo del protocollo Mesh 2.0 con l’interfono: la comunicazione con rete Mesh funziona fino a 900 metri di distanza, con un numero illimitato di utenti e su nove canali. Due le colorazioni disponibili, bianco e nero, per tre taglie (S, M, L) ed un prezzo di listino di 190 euro.

Le nostre impressioni

Prima di tutto è necessario dire che l’R1 Evo è un casco molto divertente e abbina un concetto di sicurezza evoluto. Divertente perché è un casco che ha tutto a portata di mano, la radio e tutto quello che serve per una comunicazione di qualità, possibile anche una volta che si è in movimento. I pulsanti esterni sono semplici da raggiungere, da attivare, con funzioni intuibili. In merito alla sicurezza non pensiamo esclusivamente alla protezione della testa, ma a tutto quello che permette di fare senza eccessive distrazioni e escludendo il fatto di pedalare e tenere un telefonino in mano, solo per fare un esempio.

Sena R1 Evo il casco che è sempre connesso
La distanza all’interno della quale avviene la comunicazione con il Mesh Intercom, 900 metri dichiarati, è davvero ampia. Quello che colpisce però, è la qualità della comunicazione, eccellente e il fatto che il segnale non incontra barriere. In situazioni di lontananza e con muri, case, abitazioni, dentro un contesto cittadino, non abbiamo mai avuto difficoltà di comunicare.

Permetteteci una considerazione

Se è vero che la bicicletta è l’esempio lampante della nuova mobilità, è altresì vero che non riusciamo a fare meno della comunicazione e della connessione costante. Un casco come R1 Evo, che permette di essere sempre collegati, in tutta sicurezza, senza staccare le mani dal manubrio è un plus non da poco. La qualità della comunicazione è eccellente, anche in movimento non percepiscono i fastidi e le interferenze dettate da vento, quando il Bluetooth è collegato allo smartphone e quando si utilizza il Mesh Sena Intercom. Su quest’ultima tecnologia vogliamo aprire un’altra parentesi.

Sena R1 Evo il casco che è sempre connesso
E se non si vuole essere connessi, è sufficiente spegnere il tutto. Infondo, Sena R1 Evo è prima di tutto un casco da bici.

Un canale tutto nostro

Mesh 2.0 è un vero interfono per una comunicazione da casco a casco, da ciclista a ciclista che utilizzano R1 Evo, con una distanza che arriva fino a 900 metri dichiarati. Questa funzione è attivabile direttamente, senza bluetooh e senza l’associazione allo smartphone; interessante e vantaggiosa. Inoltre il Mesh 2.0 non conosce ostacoli, anche a distanza e con barriere murali, la comunicazione è chiara e limpida. Il volume è regolabile.

Dal punto di vista della calzata, R1 Sena è un casco confortevole, piuttosto rotondo una volta indossato, sostanzioso e con imbottiture voluminose nella parte centrale, per questo motivo in pò calde nelle giornate molto soleggiate. Rispetto ad un casco tradizionale è più pesante, nella taglia M abbiamo rilevato 400 grammi, valore facilmente comprensibile per via di tutta la tecnologia che integra. Ben fatto nella curvatura al di sopra delle orecchie, dove lo spazio è ampio e dà la possibilità di indossare occhiali di varie forme.

In conclusione

Sena R1 fa parte di una categoria di caschi di una generazione superiore, che al prodotto fisico, fanno collimare una serie di tecnologie tanto utili, quanto facili da usare e che allargano il concetto di sicurezza della mobilità. Probabilmente non è un casco race oriented nel senso stretto del termine, ma un prodotto per community e gruppi di pedalatori che all’uscita in bici fanno collimare convivialità e scambio costante d’informazioni.

Un casco  e uno strumento di lavoro per bike guide che portano in giro i gruppi di ciclisti? Perché no. Sena R1 Evo, grazie al Mesh Intercom 2.0, limita l’utilizzo di telefonini, del Bluetooth, facendo risparmiare dati e batteria di questi ultimi. Sguardo dritto davanti a se e mani ben salde sul manubrio, per una sicurezza che non è mai abbastanza.

A cura della redazione tecnica foto della redazione tecnica.

sena.com

Articolo precedenteL’importanza del tuning delle sospensioni MTB
Articolo successivoSALOMON RUNNING 2020 a CityLife
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui