Shimano Neutral Support e la Strade Bianche

0

Shimano e l’assistenza tecnica neutrale alle corse, la Strade Bianche. Tutto facile? Mica troppo e l’emozione fa ribollire il sangue. Vogliamo raccontarvi l’esperienza di Nicolò Mondo, alla sua overture in qualità di meccanico Shimano, ad una delle gare più belle ed affascinanti, ma anche difficili e piene di incognite.

Shimano Neutral Support e la Strade Bianche
4Bicycle e Nicolò Mondo all’interno del punto vendita Mania Bike, dove Nicolò è impiegato

Lo scritto trasmette le emozioni solo in parte

Il video allegato a questo articolo non è presente solo come corollario dello scritto; le vive immagini sono il soggetto vero e proprio. Perché scriviamo questo; perché l’espressione del viso, degli occhi, i gesti e i sorrisi fanno parte delle emozioni e ci dicono più delle parole stesse. Ecco perché, questa volta non vogliamo raccontare un”intervista solo con la parte scritta, ma vogliamo dare un peso maggiore proprio alle immagini video. L’intervista a Nicolò è stata per lui una sorpresa.

Nicolò Mondo

Nicolò è un ragazzo che vive in Provincia di Alessandria e lavora nella cittadina piemontese, nel negozio Mania Bike di Massimo Rava (uno dei punti fermi dell’assistenza tecnica neutrale Shimano). Nel negozio opera anche Alberto Borromeo, altro punto di riferimento dello staff Shimano per le corse dei pro. Quella di Nicolò è una vera e premiere, perché la Strade Bianche di sabato scorso, ha sancito il suo esordio con il team neutral support; nascita, svezzamento e crescita, tutto in una volta sola! Un’esperienza che porterà con se, per sempre.

Shimano Neutral Support e la Strade Bianche
L’intervista non è stata per nulla preparata in anticipo, o meglio, Nicolò era all’oscuro di tutto.

a cura della redazione tecnica, grazie allo staff di Mania Bike, foto di Sara carena

 

Articolo precedenteSchwalbe Super: 5 carcasse a prova di off-road
Articolo successivoBMC Twostroke la nuova hardtail per l’XCO
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui