Home Ciclismo Test Specialized Tarmac S-Works SL7 il nostro test

Specialized Tarmac S-Works SL7 il nostro test

4

Specialized Tarmac S-Works SL7, sicuramente una delle delle bici del momento. Ad Imola, durante la rassegna iridata è salita due volte sul gradino più alto del podio, nelle prove in linea, grazie ad Anna Van Der Breggen e Julian Alaphilippe. Noi abbiamo provato la versione S-Works Di2.

La Specialized Tarmac in test

Le versione che abbiamo (e che stiamo) utilizzato durante la nostra prova è quella con la trasmissione Shimano Dura Ace Di2 (peso rilevato senza pedali, 6,82 grammi, taglia 54). Framekit S-Works SL7 che prevede un carbonio di matrice Fact 12r, come la precedente SL6, mentre la Venge S-Works è costruita con il tessuto Fact 11r. Rispetto al passato, anche la forcella è stata completamente rinnovata.

test specialized
Specialized Tarmac S-Works SL7 Di2

La componentistica

  • La piega manubrio è la Aerofly II in carbonio, con profilo alare e curvatura verso l’avantreno.
  • Lo stem è in alluminio, dedicato al progetto e permette di integrare fili e guaine. L’inclinazione è di 6°.
  • Il seat-post è full carbon con design specifico, diverso rispetto al modello dedicato alla SL6. La parte superiore permette di alloggiare la centralina Di2 (proprio come nel caso della Venge).
  • Selle Power Body Geometry con rail in carbonio.
  • Le ruote sono le Roval Rapide CLX con cerchio full carbon da 51 mm (per copertoncino). Il canale interno è largo 21 millimetri. Le coperture sono le Specialized Turbo Cotton 320Tpi (copertoncino).
  • Inoltre, il pacchetto prevede il power meter Specialized integrato nella guarnitura, con rilevazione sui due lati.
  • I dischi dei freni con diametro differenziato: 160 mm per l’anteriore, 140 mm per il posteriore.
  • La scatola del movimento centrale è larga 68 mm, una sorta di DNA che accomuna i progetto road di Specialized, una soluzione che permette di avere un rapporto ottimale tra peso e rigidità. Nel caso della versione in test, le calotte del movimento centrale sono esterne.

Si, il miglior progetto Tarmac di sempre

Se questa è un affermazione forte, importante, è anche giusto dire che non si riferisce solo alla bicicletta in questione, ma ad un progetto che si è evoluto step by step. Qui collimano aerodinamica, leggerezza e bellezza estetica, un buon equilibrio tra le forme che, per chi deve acquistare una bicicletta, non guastano mai. Anche e soprattutto, dal lato performance, abbiamo sotto gli occhi una bici top level, sotto tanti punti di vista.

In salita

In un certo senso non te l’aspetti, così performante e in grado di chiederti costantemente in gas aperto. Rispetto alla precedente versione ha un avantreno più tosto, che asseconda meglio le uscite di selle e un carro posteriore rigido, ma mai esagerato. Cosa significa quest’ultimo particolare? Che anche quando ci scomponiamo, per stanchezza e perché siamo sotto pressione, la bici non da mai la sensazione di appesantirsi, quelle che generalmente succede con le aero bikes. Come nostra abitudine, l’abbiamo provata con diversi setting di ruote, anche dal profilo inferiore, rispetto alle Roval in dotazione. Senza dilungarci troppo: 1, la conferma che queste Roval “sono tanta roba anche in salita”, 2, che la bici può aumentare la sua performance sulle pendenze più toste. Le Roval Alpinist? Chissà, magari vi diremo qualcosa in futuro.

carbonio fact 12r
La scritta che identifica il carbonio Fact 12r.
In discesa

La pieghi quanto e come vuoi. Per chi è abituato a tirare la corda della curva, nota fin da subito che questa Specialized Tarmac permette di caricare l’anteriore a vantaggio di stabilità e agilità. Inoltre è agile, lo è in modo maggiore rispetto alla precedente versione, perché la forcella è più stabile. La bici si guida con il mignolo delle mani e con il minimo spostamento laterale della testa.

In rilancio e ad andatura costante

Se in fase di rilancio la differenza la fanno le gambe, è pur vero che una bici che mantiene una trazione costante e non scoda eccessivamente può aiutare. Qui ci siamo alla grande! Ecco, la possibilità di tenere un’andatura elevata, non è una cosa scontata per una bici non aero: anche in questo frangente siamo oltre la media.

prova bici specialized road
L’avantreno della SL7.
Comfort

Specialized Tarmac SL7 esprime un comfort diverso rispetto al modello che l’ha preceduta. La grossa differenza sta nel seat-post, che flette meno. Il guidizio che si riferisce alla comodità può trovare come soggetto la sella corta Power, confortevole e tanto dissipante nei confronti delle vibrazioni.

In conclusione

specialized s-works tarmac 2017
Un’immagine che ritrae il modello Tarmac SL6 . Inseriamo questa foto, per dare la possibilità di confrontare i due progetti.

Questa ultima versione della Specialized Tarmac (S-Works) non è per niente banale. Si, è una bici che si rivolge ad un’utenza di agonisti. E’ anche vero che ti permette di andare piano e di non soffrire gli eccessi di una geometria eccessivamente tirata. Lo si vede e lo si può valutare dai numeri: il telaio, a prescindere dalla taglia che si considera è sempre compatto, un dettaglio che influisce sulla sua velocità,sulla reattività e sull’agilità. Infatti, “la giri su una moneta”. Questa sorta di immediatezza la rende parecchio divertente.

 

a cura della redazione tecnica, foto della redazione tecnica.

specialized.com

 

 

4 Commenti

  1. ciao Alberto, leggo sempre i tuoi articoli e test con molta passione perché spieghi in modo magistrale pro e contro delle varie bici, toccando tasti veramente utili come aerodinamica, forza torsionale ecc.
    Ti vorrei sottoporre una domanda cosi a brucia pelo, anche se non vorrei metterti molto in difficoltà:
    Ho la fortuna in questo momento di poter avere a disposizione 2 telai TOP di gamma: SWORKS SL7 e BMC teammachine SLR01 entrambi 2022.
    Ovviamente, li monterei con un dura ace di2, ecc, ecc…quindi tutto top di gamma
    Ne posso tenere 1 solo…..cosa scegliere?!…
    li ho provati entrambi (ho + esperienza con specialized, ma anche BMC mi ha dato ottime sensazioni anche se solo dopo un paio di uscite)..I telai non mi sembrano cosi diversi da un punto di vista prestazionale….Pero’ a te la parola che hai prodotto dei test più che soddisfacenti su entrambe…
    Un caro saluto
    Matteo

    • Ma ciao Matteo, troppo buono grazie 1000, complimenti come questo fanno sempre piacere e sono benzina buona, ottima! Tranquillo non mi metti in difficoltà, capisco perfettamente il tuo dubbio e la tua domanda, a prescindere beato te che puoi scegliere tra queste due bestie di bici. BMC sicuramente più comoda, considerando una parità di allestimento, un bel cavallo in salita ed in discesa. SL7 più veloce nei tratti veloci, pianeggianti e per certi versi è maggiormente versatile. Specy più esigente rispetto alla Team SLR01 di BMC, meno confortevole nel lungo periodo. Inoltre, anche se è un aspetto soggettivo, BMC conferma il percorso di un progetto che ha un design molto simili da tante stagioni e non è un dettaglio buttato li per caso. Se ne sei possessore e la guardi anche dopo qualche anno, difficilmente ti stufa. SL7 è l’emblema dell’evoluzione e del far collimare efficienza e aerodinamica, però è un progetto che cambia sempre e con tutta probabilità la SL8 sarà ancora diversa. (ripeto, questa è una considerazione personale che però ho ritenuto opportuno fare). ciao e buona giornata

  2. Ciao, bellissima recensione sulla bici. Ho un dilemma tremendo sulla taglia della bici e spero tu possa aiutarmi visto che l’ hai provata.
    Sono alto 180cm con cavallo 83, pedalo a 74.5cm da centro movimento a soprasella e dislivello sella/manubrio di circa 8-9cm.

    Stavo pensando di prendere una 54 con attacco 110mm, perchè la 56 mi sembra troppo “abbondante”. Cosa ne pensi ?

    Grazie, Gian Claudio

    • ciao Claudio, grazie prima di tutto. tecnicamente la 54 potrebbe andare e andarti bene, però per adottare il giusto dislivello sella/manubrio dovresti usare tanti spessori tra stem e battuta dello sterzo. è una cosa anti-estetica e che influisce in modo negativo anche sulla stabilità dell’anteriore. al 99% tu riesci a sfruttare molto bene anche la 56, magari con un attacco da 100 mm e togliendo degli spessori (brutti). credo che per te è la soluzione migliore, poi una valutazione bikefitting, a mio parere, toglie sempre i dubbi in eccesso. ciao e buona serata

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui