Italia 17-esima ai Mondiali ISA, vince il Brasile

Storica medaglia d’oro per il Brasile agli ISA World Surfing Games presentati da Vans, 17-esima posizione per l’Italia, trainata dal talento di Angelo Bonomelli (13-esimo)

16/09/2019
scritto da Redazione 4Surf

A Miyazaki (Giappone) sono terminati i mondiali ISA 2019, “prova generale” dei giochi olimpici di Tokyo 2020 che hanno visto la vittoria della nazionale brasiliana grazie a ben tre medaglie totalizzate nella divisione maschile e femminile.
Gli  ISA World Surfing Games 2019 verranno ricordati come i mondiali dei numeri grazie ad un totale di 54 nazioni partecipanti, ma noi li ricorderemo anche per il sorprendente risultato ottenuto dal talentuoso Angelo Bonomelli.
Rientrato a pieno regime dopo un piccolo infortunio ha saputo trainare il team azzurro verso un importantissimo 17-esimo posto, ma a sorprendere più di tutti è stato il suo risultato individuale: 13-esimo posto per l’italiano, a parimerito con la star di casa Kanoa Igarashi!

Dopo la storica batteria in cui ha battuto l’11-volte campione del mondo Kelly Slater (prima di lui c’era riuscito soltanto Leonardo Fioravanti) Bonomelli ha dimostrato tutto il suo talento rimanendo in seconda posizione nella sua heat dei ripescaggi che lo vedeva impegnato contro Filipe Toledo, un secondo posto tenuto fino a 20 secondi dalla fine. Poi Toledo con l’ultima onda è riuscito ad aggiudicarsi lo score necessario (5.28) per passare la heat, superando Angelo per pochissimi decimi.

Angelo Bonomelli non solo è riuscito a dimostrare di poter competere tra i migliori della WSL, ma anche di potersela giocare per la vittoria. Congratulazioni Angelo e a tutto il team azzurro, nonché al direttore tecnico Marco Gregori.

 

Il Brasile riconquista l’oro dopo 19-anni, argento USA, bronzo Giappone e rame al Perù
Con un totale di tre medaglie il Brasile conquista l’oro agli ISA World Surfing Games di Miyazaki, trainato da un Italo Ferreira che ha dato il meglio durante la finale, totalizzando un perfect 10 ed il punteggio combinato più alto dell’evento.
Per quanto riguarda le qualificazioni a Tokyo 2020, il giapponese Shun Murakami grazie alla medaglia di rame conquistata in finale ottiene un posto provvisorio alle prossime Olimpiadi. Posto provvisorio guadagnato anche dal portoghese Frederico Morais e per il marocchino Ramzi Boukhiam.

Nella classifica individuale oro al brasiliano Ferreira, argento all’americano Kolohe Andino e bronzo per un altro brasiliano, Gabriel Medina; il giapponese Shun Murakami tiene alta la bandiera della nazione ospitante regalando al Giappone la medaglia di rame.

Va menzionata inoltre l’ottima prestazione di Kelly Slater che ottiene un quinto posto nella classifica totale, mentre l’indonesiano Rio Waida con il suo nono posto ottiene il miglior risultato nella storia della sua nazione.

La bellissima prestazione femminile, conclusasi tre giorni fa, ha visto la vittoria della medaglia d’oro da parte della peruviana Sofia Mulanovich, argento per la brasiliana Silvana Lima, bronzo per la sudafricana Bianca Buitendag e rame per l’americana Carissa Moore.

Sotto: il commento del Direttore Tecnico surfingfisw Marco Gregori sui Mondiali di surf in Giappone appena terminati

 

Classifiche provvisorie, per vedere tutti i dettagli clicca qui

Team Ranking
ORO – Brasile
Argento – USA
Bronzo – Giappone
Rame – Peru
5 – Sudafrica
6 – Australia
7 – Nuova Zelanda
8 – Costa Rica
9 – Spagna
10 – Canada
11 – Portogallo
12 – Germania
13 – Francia
14 – Indonesia
15 – Argentina
16 – Israele
17 – Italia

Open Men:
Gold – Italo Ferreira (BRA)
Silver – Kolohe Andino (USA)
Bronze – Gabriel Medina (BRA)
Copper – Shun Murakami (JPN)

Open Women (finished September 10th):
Gold – Sofia Mulanovich (PER)
Silver – Silvana Lima (BRA)
Bronze – Bianca Buitendag (RSA)
Copper – Carissa Moore (USA)

Provisional Tokyo 2020 Qualification:

Men:
Shun Murakami (JPN)
Ramzi Boukhiam (MAR)
Billy Stairmand (NZL)
Frederico Morais (POR)

Women:
Shino Matsuda (JPN)
Anat Lelior (ISR)
Bianca Buitendag (RSA)
Ella Williams (NZL)

Photo: ISA / Sean Evans – Ben Reed – Jim Enez

Angelo Bonomelli

Angelo Bonomelli

Angelo Bonomelli

Angelo Bonomelli

  

 

Potrebbe interessarti anche

Commenti