IndieCampers Portugal Trip by Rip Curl – DAY 5

Dall’inaugurazione del Rip Curl store Peniche alla Premiere Red Chargers di Nazarè, passando per una bella session in baia

24/10/2016
scritto da Michele Cicoria

I continui spostamenti dei giorni passati ci costringono a cercare di recuperare il lavoro trascurato. Nonostante oggi sia una giornata stupenda, calda e senza vento, ci dobbiamo chiudere in un bar e lavorare al pc, purtroppo le scadenze non possono più essere ignorate. Franco e Tobia insieme a Marvin vanno a cercare delle valide location per le riprese. Noi recuperiamo il lavoro arretrato e verso l’ora di pranzo ci incontriamo con Alessandro Marcianò, veterano del surf italiano e big wave rider Rip Curl. Entriamo tutti in acqua a medio Baìa, fortunatamente le condizioni reggono ancora nonostante lo swell sia previsto in crescita, i parcheggi sono stracolmi ma riusciamo ad ottenere il passpartout da Andrea di Rip Curl. In acqua ci distribuiamo in tutto il tratto che va dalle mura di Peniche alla penisola da Baleal. Il punto più riparato vicino il Cerro regala onde pulite e meno affollate, così torniamo dall’acqua tutti con un sorriso stampato in viso, soprattutto Michele e Andrea che hanno goduto di lunghe destre a Baleal reef.

Il pomeriggio sta pian piano svanendo e per la serata ci dobbiamo nuovamente dividere in due gruppi. Il primo va all’inaugurazione del nuovo Rip Curl store di Peniche, struttura posizionata a metà della baia che, come la prima sede di Torquay (AU) ospita anche gli uffici portoghesi del brand. Durante il party ci viene data la possibilità di intervistare l’idolo di grandi e piccini Matt Wilkinson e la giovane promessa Killian Guerin, impegnati nella signature session. L’intervista è stata tra le migliori del road trip: senza tradire le aspettative Wilko si è dimostrato simpatico e disponibile, Andrea e Franco sono quasi riusciti a convincerlo a venire in Italia per surfare. Lui, da grande amante della Toscana, non vede l’ora di vedere dal vivo il nuovo monomarca Rip Curl di Lido Di Camaiore, mangiare italiano e, anche se è fidanzato, ammirare le bellezze locali.

Il secondo gruppo invece salta di corsa sul camper per raggiungere Ale Marcianò a Nazarè, che ci ha gentilmente accreditato alla premiere stampa organizzata dai Red Chargers capitanati da Garrett McManara. I Red Chargers sono una selezione tra i big wave riders di fama internazionale, che hanno come home spot Nazarè, proprio dove McNamara è entrato nella storia surfando l’onda più alta al mondo. La location dell’evento è suggestiva e si trova all’interno del porto, il ricevimento viene ospitato nell’area in cui Garrett, Ale e gli altri rider di fama internazionale si preparano per raggiungere il picco di Nazarè in moto d’acqua quando l’oceano ci ricorda quanto siamo piccini.
Al termine dell’introduzione al progetto da parte di Garrett e del sindaco di Nazarè viene proiettato il teaser che presenta i Red Chargers sponsored by Mercedes. Un bellissimo video di pochi minuti cattura l’attenzione di tutta la platea e lascia volutamente incuriositi gli ospiti, ansiosi di poter visionare la versione completa. Chiacchierando con gli atleti veniamo sapere che per il lunedì è prevista una mareggiata epica a Nazarè, così il gruppo cancella un impegno già preso promettendosi di vedere questo spettacolo dal vivo. Alessandro potrebbe partecipare all’impresa, è emozionato e ci confida che avrebbe bisogno di una migliore preparazione fisica, ma conviene con noi che forse per questo tipo di discipline estreme la preparazione non potrà mai essere considerata completa. Durante la serata facciamo conoscenza anche di Maya Gabeira, una delle poche donne al mondo a praticare il big wave riding.

Maya è reduce dal violento incidente avvenuto durante una sessione a Nazarè circa tre anni fa, durante la quale ha perso conoscenza e le è stato praticato il massaggio cardio respiratorio per salvarle la vita. Ora ci sembra decisamente in forma e racconta che sta affrontando un imponente programma di recupero ma che purtroppo lunedì non potrà partecipare perché non si sente ancora pronta. Dopo un ricco buffet all’italiana preparato dal Oscar Giunta (unica piadineria romagnola presente a Baleal) ci accordiamo con McManara per essere presenti lunedì e, già emozionati, salutiamo tutti per correre al private party Rip Curl, dove ormai siamo di casa.
Una volta riunito il gruppo Andrea ci aspetta con Filippo Orso e Ludovica Robaudo: anche loro, appartenenti al team Rip Curl rispettivamente come rider e blogger, sono accorsi per non perdersi l’inaugurazione.
E’ sabato sera, il locale è stracolmo e il free bar aiuta a portare a termine le nostre intenzioni belligeranti…la dawn patrol dell’indomani potrà aspettare.

?

Potrebbe interessarti anche

Commenti