Tales from salted sea: Giulia Di Giovanni

Tales from salted sea: un giorno con Giulia Di Giovanni in cerca di onde pulite, al riparo dal grosso swell di lunedì 4 novembre. Fiabe e racconti del mar salato a cura di Danilo Pianese

12/11/2019
scritto da Redazione 4Surf

Photo: Danilo Pianese  IMHO – In My Honest Opinion. | Filippo Eschiti

In un mondo dove la presenza sui social è ormai diventata obbligatoria se si vuole avere un po’ di visibilità, una mattina ho incontrato Giulia a Diano Marina.
Giulia è una ragazza semplice, minuta, occhi nocciola ed un bel sorriso solare… arriva da Recco dove fa la commercialista, lo studio si trova proprio vicino allo spot e lei non perde occasione per fuggire dall’ufficio per andare a fare Longboard.
Giulia ama da sempre il mare ma inizia con la tavola solo 4 anni fa grazie ad una vacanza con un’amica in Sardegna , non ama le onde ripide o tubanti ma il soul di una noserider 9.2 ed una single fin 6.8 shapate per lei da Renato e Paolo di Twins Bros surfboards.

Giulia parla un po’ di se e del suo rapporto con questo mondo di cui fa parte da poco ed un po’ si rammarica.
La competitività, l’aggressività e gli atteggiamenti “sbagliati” a volte le pesano… preferisce una surfata con gli amici nel weekend ad una gara, si confronta solo per gioco, le classifiche non le appartengono e se deve scegliere di partecipare ad un evento predilige un festival.

Giulia ama viaggiare, un po’ come tutti quelli che vivono e respirano il mare…si muove per le vacanze alla ricerca di ciò che la rende felice sulle coste della Spagna, della Francia, del Portogallo e dell’Irlanda.
Come molti di noi sogna d’andare in California e magari in Sudafrica, sorride mentre pensa timorosa alla percentuale di squali, non saranno certo loro a far abbandonare il sogno di esplorare certi tratti di costa.
Giulia ama l’ambiente e le sue collaborazioni parlano chiaro, si lega solo a brand che la rappresentano e non cede il punto se si parla di eco-sostenibilità e plastic- free, anche per questo motivo sposa la filosofia di brand come FreeRide Cosmetics e Tek Brushes.

Giulia si ritiene fortunata, essere sostenuta da tante aziende di questi tempi è una cosa bellissima ma anche importante ed impegnativa… le persone a volte dimenticano che i rapporti umani ed una buona immagine sono spesso più importanti di vincere una o dieci gare.
Giulia oggi rappresenta anche Matuse e fa parte della Zio Baffa Family ma quando ne parla un po’ le trema la voce… sente sulle sue spalle una grande responsabilità che cerca di gestire con leggerezza, anche se non sempre ci riesce.
Giulia è una ragazza semplice, minuta , occhi nocciola ed un bel sorriso solare…
Oggi le onde sono belle, il sole è caldo e c’è un bel vento da terra… è tempo di riconciliarsi con il mondo e scattare qualche foto.
Andiamo Giulia è tempo di entrare…

[session di lunedì 4 novembre, al riparo dalla grossa mareggiata nel ponente ligure]

Sotto: due scatti dal Portogallo realizzati da Filippo Eschiti

Potrebbe interessarti anche

Commenti