Home Surf News Alterego, l’innovazione nella produzione di tavole
Pubblicità

Alterego, l’innovazione nella produzione di tavole

0

LA SOSTENIBILITA’ MADE IN ITALY LEGATA AGLI SPORT ACQUATICI FA IL PIENO DI NUOVI INVESTITORI CON L’EQUITY CROWDFUNDING

Con il progetto Alterego, ItalianWaves punta ad innovare la produzione di tavole per sport acquatici sviluppando prodotti ecologici e sostenibili e sostituendo le attuali tecnologie costruttive e di produzione altamente inquinanti con soluzioni senza impatto ambientale nella logica di un’economia circolare. Link alla campagna crowdfunding: https://200crowd.com/campaign/details/italianwaves-alterego

L’ecosistema dell’innovazione Made In Italy ha dimostrato di saper resistere all’emergenza Coronavirus; le startup hanno addirittura registrato dati in incremento. Corporate Knights 2019 Global Research and Survey ha dichiarato che un’azienda che ha la sostenibilità come pilastro fondamentale del suo business ha un’aspettativa di vita di oltre il 40% in più rispetto ai marchi che non se ne preoccupano.
Questi brand saranno quindi in grado di vincere nel lungo termine.

ItalianWaves nasce nel 2016 come startup innovativa con sede ad Alghero. È stata concepita dai soci fondatori proprio per essere un esempio di azienda italiana pulita e sostenibile: nei principi di produzione, nella gestione del personale, dei partner e soprattutto nella costante ricerca dei materiali.
I prodotti sviluppati riflettono questi principi, utilizzando materiali disponibili in natura quali sughero, basalto, tessuti di lino, materiali biologici e compostabili al 100% sviluppati su specifiche formule e parametri determinati dall’azienda, frutto di un’attività di ricerca e sviluppo che ha permesso di essere i primi a commercializzare una tavola da surf costituita da materiali compostabili al 95%, rispetto ai migliori concorrenti che producono tavole riciclabili al massimo al 15%.
Una soluzione di economia circolare ed innovazione sostenibile che sta convincendo a puntare sul progetto Alterego gli investitori raggiunti dalla campagna di equity crowdfunding disponibile sulla piattaforma 200 Crowd. La campagna, a due settimane dal lancio, ha già abbondantemente superato la soglia minima di 150.000 euro ed è in costante crescita, dimostrando quindi la bontà dei valori aziendali.

PERCHE’ ESISTE ALTEREGO?

“L’attuale situazione ambientale è allarmante: i dati sull’inquinamento, affiancati all’osservazione quotidiana della realtà dei fatti, segnalano che il pianeta è prossimo al punto di non ritorno. La cassa di risonanza mediatica batte quotidianamente sulla sostenibilità, e l’opinione pubblica è forte e schierata sul fronte della difesa dell’ambiente.” – dichiara Alessandro Danese, General Manager.
“Chiunque viva la natura non rimane insensibile a questi argomenti, in primis gli sportivi che praticano attività outdoor: la stragrande maggioranza, di questi tempi. La presa di coscienza della necessità di un cambiamento sta modificando le nostre abitudini con ritrovata coscienza ecologica e, di fatto, creando un mercato. Gli sportivi chiedono da sempre attrezzature all’avanguardia e altamente performanti. Ora esiste un nuovo diktat: devono essere anche ecosostenibili. Non sempre il mercato offre condizioni favorevoli per iniziative win-win: questa è una di quelle rare occasioni. Abbiamo quindi bisogno di nuovi investitori che ci aiutino a perseguire il nostro ambizioso obiettivo.”

I VALORI ALTEREGO

La visione che sottende i prodotti Alterego non considera la performance solo come un elemento prestazionale del prodotto in sé, ma anche come un elemento di armonizzazione con la natura, la più performante delle creazioni in cui siamo immersi. I nostri clienti si sentono parte di un progetto collettivo molto più ampio, oltre a desiderare la competizione come fattore individuale: questa diventa la Customer Value Proposition.
I recenti fenomeni negativi che coinvolgono il Pianeta (inquinamento ambientale, contagi COVID-19, etc.) mostrano le criticità di un sistema globale, evidenziando l’importanza delle economie locali e circolari alle quali il consumatore si avvicinerà nuovamente nei prossimi anni, alle quali Alterego si ispira e mira a perseguire.

“Uno dei nostri obiettivi è dimostrare che prodotti e produzione sostenibili sono possibili e vogliamo cambiare le regole del gioco liberandoci dei materiali inquinanti. Questo è ciò di cui gli amanti degli sport acquatici ed i nostri oceani, spiagge e litorali hanno bisogno. Abbiamo la responsabilità di salvaguardare l’ambiente che ci circonda.” – queste le parole di Alessandro Danese.
Inoltre, il surf e soprattutto il SUP, quali sport individuali da praticare all’aperto, saranno meno soggetti a restrizioni e remore in termini di social distancing. Pertanto, potranno essere praticati in libertà e sicurezza, attirando nuovi consumatori e fidelizzando quelli esistenti.
L’Italia in primis (che conta oltre 7.000 stabilimenti balneari), ma tutti i Paesi europei con le migliaia di km di coste, fiumi e canali, e le migliaia di laghi e bacini artificiali a tutte le latitudini e longitudini, saranno lo sbocco naturale per la pratica di sport da tavola: surf e, soprattutto, SUP.
Tutti questi fattori, dalle aspettative del consumatore all’evoluzione del mercato SUP, rappresentano un’opportunità per AlterEgo e la sua chiara e distinta Value Proposition.

IL MERCATO IN CUI OPERA LTEREGO
Il mercato globale degli amanti del #surf e del #SUP ricreativo è stimato a circa 29 milioni di appassionati per un fatturato medio annuale di 7,3 miliardi di dollari (fonte Statistic Brain) con un trend di crescita del 7% annuo – la proiezione al 2022 è di 9,5 miliardi di dollari.
La crescita del mercato è diretta conseguenza della crescente popolarità degli sport acquatici e d’avventura e dell’attenzione al distanziamento sociale. Nel settore del surf il focus del consumatore si sta spostando da pochi e rinomati brand a un approccio più personale allo sport, che crea nuovi spazi per marchi locali con una forte e coerente brand identity ed un occhio attento alla sostenibilità, proprio come Alterego.
Inoltre, ricordiamoci che il 71% della superficie del nostro pianeta è ricoperta dall’acqua.

 

I PRODOTTI e le TECNOLOGIE ALTEREGO

I prodotti Alterego sono riconoscibili sul mercato per le elevate prestazioni (in termini di leggerezza, flessibilità, assorbimento delle vibrazioni e reattività di risposta) e per il design italiano, sempre apprezzato a livello internazionale. Non ultimo, da un punto di vista commerciale, la produzione europea, la flessibilità e la capacità produttiva, l’efficienza della supply chain ed il vantaggio logistico rispetto alla maggioranza dei concorrenti, produttori di massa in Asia, danno un ulteriore vantaggio competitivo.

L’azienda è ora alla ricerca di un supporto per poter ricoprire il ruolo di leader nel mercato mondiale delle attrezzature sportive eco-sostenibili. Siamo partiti dal mondo degli sport acquatici su tavola creando il brand Alterego e sviluppando con successo negli ultimi anni le basi per una produzione di quattro linee di prodotto già attive: tavole da onda, tavole da piscina, SUP e skimboard.
L’obiettivo di questo round di finanziamento tramite equity è quello di consolidare quanto fatto e:

• completare le attività di R&S necessarie a definire e implementare, su scala industriale, la prima struttura di tavola totalmente compostabile (Biocork)
• completare disegno e sviluppo del software di personalizzazione dell’esperienza di acquisto digitale
• rendere visibile in forma mirata ed efficace il brand
• accelerare una chiara e già avviata strategia di marketing e distribuzione.

Sul fronte ricerca e sviluppo ItalianWaves è riuscita a guadagnare terreno sulla concorrenza, aggiungendo valore e differenziando i propri prodotti sotto ogni aspetto. Lo standard produttivo prevede l’utilizzo di un longherone centrale a irrigidimento del cuore in polistirolo della tavola, accompagnato da un ulteriore irrigidimento esterno con fibra di vetro.
Alterego inverte questo concetto, introducendo longheroni in sughero curvilinei all’interno del cuore, che consentono il controllo della flessibilità, parametro in precedenza ingestibile. Il risultato è immediatamente tangibile da tutti i punti di vista:

• aumento esponenziale della resistenza, in particolare del carico di rottura a flessione
• riduzione dei problemi articolari da impatto sulla tavola, grazie all’abbattimento del 30% dell’effetto rimbalzo
• aumento della stabilità, grazie alla migliore distribuzione del carico con il raddoppio dei longheroni
• aumento del controllo grazie alla ridotta torsione assiale dovuta al raddoppio dei longheroni
• possibilità di personalizzazione strutturale infinita, con controllo di flessibilità e peso.

Questo tipo di costruzione è identificata come ACT 2.0 (Active Cork Technology 2.0). La selezione dei materiali usati per le tavole Alterego segue la gerarchia del maggiormente sostenibile: compostabile, riciclato, base biologica, chilometri zero.
E in base a questa scelta, ha iniziato la sua produzione miscelando un cuore in polistirolo a chilometri zero con fibra di vetro e resina a base biologica, posizionandosi nel comparto che il mercato identifica attualmente come Ecoboard.
Una nota importante riguarda la realizzazione degli skimboard, che nascono dal recupero dei materiali di scarto del processo produttivo delle altre tavole.

Dai suoi modelli di partenza, gli Ecoboard, dove i big player si sono fermati, ItalianWaves ha poi sviluppato un nuovo mix alternativo di materiali, chiamato Biocork, che migliora ulteriormente le performance, abbattendo enormemente l’impatto ambientale.
Nel core il polistirolo è stato sostituito da un espanso di origine biologica, che garantisce il 100% di compostabilità, degradandosi completamente in 8/12 settimane. A sostituzione della fibra di vetro, altro elemento ad alto impatto ambientale, è stata applicata una laminatura in fibra basaltica, che ha impronta di carbonio nulla, riducendosi in polvere durante il ciclo di recupero in fornace. Questa combinazione di elementi è altamente differenziale rispetto ai competitor.
E gran parte degli investimenti di ricerca e sviluppo sarà finalizzata a raggiungere la capacità di produzione a livello industriale del processo produttivo attuale.
L’impegno è quello di convertire interamente la produzione da Ecoboard a Biocork entro il 2024.


IL TEAM E LA FABBRICA ALTEREGO

ItalianWaves è stata fondata da un gruppo di executive italiani appassionati di sport, sensibili alle tematiche ambientali e attenti ai business innovativi, ciascuno con un know-how specifico in diverse aree funzionali (strategia, finanza, vendite, marketing, legale e tecnologia) e dalla passione e collaborazione del team, con Alessandro Danese nell’attività di coordinatore e General Manager.
Il ruolo di Amministratore Unico e responsabile dell’area finanza è ricoperto da Marco Cappelleri, professionista nel settore degli investimenti finanziari, profondo conoscitore del mondo aziendale italiano. Marco è legato ai soci fondatori ed a gran parte della compagine sociale da un’amicizia di lunga data e da profonda stima reciproca. Un comitato operativo, composto da Marco e da soci che esprimono la maggioranza del capitale, supporta Alessandro nelle principali decisioni di tipo strategico, commerciale e finanziario.

Il team Alterego rappresenta qualità e competenze del settore sport su tavola, con specifiche esperienze sportive ed ingegneristiche, di vendita e produzione, affiancate dalle importanti risorse professionali condivise dalla compagine sociale.
“Il nostro team è giovane, dinamico ma con consolidata esperienza” continua Danese. “I nostri prototipi sono testati e sviluppati con il prezioso aiuto di surfisti professionisti. Siamo sempre in cerca di soluzioni innovative e sostenibili e amiamo lavorare con sportivi appassionati e persone che condividono la nostra visione.

La fabbrica Alterego si trova alle porte di Alghero, nella splendida Sardegna non lontano dai migliori surf spot dell’isola. È stata organizzata una capiente struttura produttiva di circa 800 mq, capace di affrontare importanti sfide produttive. Il layout delle diverse aree e reparti è stato progettato con l’intento di garantire l’efficienza e la rapidità di movimentazione di materie prime, semilavorati e prodotti finiti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità