Pubblicità
Home Ciclismo Prodotti Carrera SL7, la probike di casa Podium
Pubblicità

Carrera SL7, la probike di casa Podium

0

Carrera SL7 non è solo una bici da agonista, una superleggera studiata per rendere al meglio in salita, la top level di casa Carrera-Podium è una bici disegnata, sviluppata e prodotta per i professionisti.

Elegante ed aggressiva al tempo stesso ha un  frame di 830 grammi nella taglia M, con un valore di rigidità che sfiora i 97Nm per ogni millimetro, una cifra, un numero notevole se si considera il peso alla bilancia e la categoria di cui fa parte questa bicicletta. La forcella, anche questa totalmente in carbonio HM (alto modulo) ha un peso di 370 grammi.

 

Perché diciamo questo: in molti casi la leggerezza e la rigidità sono caratteristiche tecniche che non si sposano al meglio tra loro. Per ottenere il meglio, in fatto di resa tecnica sul campo è necessario combinare un design specifico con un blend di fibre particolari. Carrera SL7 è un monoblocco in carbonio, con fibre T800 e M46J, entrambe della giapponese Toray.

Non solo: i fogli di carbonio, le sue fibre devono essere orientate in un senso ben preciso, in modo che questi possano esprimere la propria forza. Il processo di stampaggio deve essere curato nei minimi particolari, evitando che si formino porosità, garantendo omogeneità a tutte le pareti dei tubi: migliore è la qualità costruttiva di ogni singola parte, maggiori saranno le caratteristiche tecniche. Gli specialisti dell’azienda bresciana hanno messo a punto un procedimento che prende il nome di EPS (Expandable Polystyrene Shell), che obbliga le fibre a mantenere la giusta direzione durante il processo di indurimento della resina.

Il design: le biciclette ultraleggere firmano in un certo senso, il ritorno alle tubazioni arrotondate, una garanzia in fatto di impatto estetico, sempre attuale ma anche capace di amplificare alcune caratteristiche di resistenza alle sollecitazioni. Il tubo con una maggiore superficie tonda è rigido, resistente e si combina perfettamente con gli schiacciamenti (appositamente voluti) del nodo sella. La scatola del movimento centrale è asimmetrica ed è larga 86,5 mm, con diametri per i cuscinetti da 41.

Compatibile con tutte le trasmissioni che offre oggi il mercato, a batteria, sena fili e meccaniche, SL7 ha lo sterzo conico e una seta-post da 31,6 mm di diametro, dettaglio quest’ultimo richiesto dai corridori pro.

Sei le taglie a catalogo, dalla XS alla XL, mentre le colorazioni sono tre.

http://www.carrera-podium.it/bikes/sl-7

 

Articolo precedenteVans Shop Riot 2017 a Palazzolo
Articolo successivoPhilipp Zach ai Caraibi
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità
Advertisement