Contiamoci per contare di più: nasce il primo confronto spontaneo dei surfisti in Italia

1

Mai come in questo periodo si è manifestata in tutti noi una particolare sensibilità verso ciò che rappresenta la libertà di praticare il nostro amato surf. E’ un po’ per raggiungere rapidamente questo obbiettivo, ma soprattutto per unire tante singole voci, che un gruppo di surfisti qualunque ha deciso di unire le proprie forze al fine di dar vita ad un unico grande coro.
Lo scopo di questa iniziativa è quello di farci ascoltare di più da chi dovrebbe e magari in alcune occasioni non l’ha fatto, credendo che la nicchia dei praticanti in Italia fosse davvero limitata.
Per raggiungere l’obbiettivo i surfisti hanno pensato di proporre un’azione semplice e alla quale invitano tutti a partecipare: quella di contarci attraverso un rapido censimento, che è possibile fare subito in modo semplice e rapido, compilando il seguente form online: https://forms.gle/wQhvP7jHXCzvo7Bh8

L’unione fa la forza e per avere più voce è davvero necessario conoscere quanti siamo. Questo gruppo di surfisti ha inoltre creato uno spazio virtuale in cui confrontarsi in modo spontaneo, lontano da qualsiasi scopo ideologico o commerciale. Si tratta di un gruppo facebook la cui nascita è stata mossa dall’amore incondizionato per il mare.
Il gruppo si chiama Comunità Nazionale del Surfing e può essere raggiunto dal seguente link: https://www.facebook.com/groups/287757732234563/

Logo by: Carmelo Russo, Surf School Catania

 

Vi lasciamo al manifesto scritto da questi surfisti, profondi amanti del mare come tutti noi, che lascia meglio intendere gli obbiettivi della comunità appena creata.

Nella particolarità di questo periodo, mossi dall’incondizionato amore per il mare, ci siamo ritrovati come surfisti individuali, persone e amici un po’ da tutte le regioni, da tutti i mari d’Italia.
Vogliamo condividere con un’azione spontanea, senza alcuna collocazione ideologica né commerciale, l’amore per il nostro mare e il surf.

Lo SCOPO è quello di UNIRE tutti i surfisti d’Italia, per instaurare un dialogo, un piano di confronto, dove ognuno propone le proprie idee, affinchè ci sia una sola grande voce da far sentire su argomenti di fondamentale importanza fra i quali la libera pratica individuale del surfing (short, long, sup , bodyboard, adaptive), in questo periodo di ripartenza delle attività sportive, la nascita di una regolamentazione nazionale, chiara e uniforme sul territorio per la pratica del surfing, coinvolgendo le Istituzioni. Ma anche Le problematiche relative alla protezione delle coste dall’erosione e dal degrado, le questioni ambientali relative all’inquinamento dei mari.

Come punto di partenza abbiamo bisogno di CONTARCI, di sapere quanti siamo nel nostro territorio; abbiamo bisogno di far conoscere i numeri di questo movimento fatto da surfisti individuali, associazioni sportive dilettantistiche (scuole e club) non iscritte o iscritte alla Federazione di riferimento o ai vari Enti di promozione sportiva, associazioni culturali dedite alla divulgazione, artigiani del surf, negozi, aziende di distribuzione del settore, ed anche strutture ricettive vicine al mondo surf.

Dobbiamo essere uniti e forti del nostro amore incondizionato per il mare, al fine di creare un dialogo nazionale efficace, un piano di confronto per essere più liberi e consapevoli nei nostri mari.

Photo Courtesy: Jorge Garcia

 

1 commento

  1. Salve, avrei voluto riempire il modulo per il censimento ma non trovo corretto che mi si chieda in maniera obbligatoria nome, cognome ed email in quanto non sono rilevanti per le statistiche e non sono dati che servono per CONTARCI (che è l’obiettivo del censimento).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui