Pubblicità
Home Ciclismo Video The Giro Road Trip, la serie web di BMC
Pubblicità

The Giro Road Trip, la serie web di BMC

0

Ogni giorno di riposo, durante il Giro d’Italia di quest’anno, BMC vi porta dietro le quinte di quanto accaduto durante la settimana. La serie web Giro Road Trip è una finestra su tutto ciò che normalmente non si vede durante un Grande Giro.

Il 2022 è il secondo anno in cui BMC rafforza la sua presenza nel gruppo World Tour al fianco del team AG2R CITROËN. Il forte gruppo di talenti, tra cui il vincitore di tappa del Tour de France, Ben O Connor, il campione del mondo U23, Benoit Cosnefroy, il vincitore della Classica Monumento, Bob Jungels e il campione olimpico, Greg Van Avermaet, tutti pedalano in sella alla Teammachine SLR 01, in edizione team.

Se volete vivere da una prospettiva privilegiata le giornate del team, seguite i canali social per le altre avventure del viaggio sulle strade del Giro, con gli highlights quotidiani pubblicati dagli insider.

Articolo precedenteNEW BALANCE FRESH FOAM X 880 v12, cavallo di razza
Articolo successivoEuropei iQFoil: presentate le 41 squadre in regata a Torbole
Mi piacciono le biciclette, tutte, e mi piace pedalare. Mi piace ascoltare le belle storie di uomini e di bici, e ogni tanto raccontarne qualcuna. L'amore è nato sulla sabbia, con le biglie di Bitossi e De Vlaeminck ed è maturato sui sentieri del Mottarone in sella a una Specialized Rockhopper, rossa e rigida. Avevo appena cominciato a scrivere di neve quando rimasi folgorato da quelle bici reazionarie con le ruote tassellate, i manubri larghi e i nomi americani. Da quel momento in poi fu solo Mountain Bike, e divenne anche il mio lavoro. Un lavoro bellissimo, che culminò con la direzione di Tutto MTB. A quei tempi era la Bibbia. Dopo un po' di anni la vita e la penna parlarono di altro, ma il cuore rimase sempre sui pedali. Le mountain bike diventarono front, full, in alluminio, in carbonio, le ruote si ingrandirono e le escursioni aumentarono, e io maturavo come loro. Cominciai a frequentare anche l'asfalto, scettico ma curioso. Iscrivendomi alle gare per pedalare senza le auto a fare paura. Poi, finalmente arrivò il Gravel, un meraviglioso dejavu, un tuffo nelle vecchie emozioni. La vita e la penna nel frattempo erano tornate a parlare di pedali: il cerchio si era meravigliosamente chiuso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui