Home Surf News GONE MED: si gira in Italia il documentario sul surf Mediterraneo

GONE MED: si gira in Italia il documentario sul surf Mediterraneo

0
Mediterraneo orientale - Foto: MSA

GONE MED è un documentario di tre episodi incentrati sui pionieri e sulle origini del surf in tre paesi del Mediterraneo: Israele, Italia e Grecia. La prima puntata verrà girata in Italia a partire dal fine settimana 18-19 novembre 2022

Era il settembre del 1987 quando per la prima volta l’Italia partecipò in Francia (Les Sables D’Olonne) a una gara internazionale sotto il nome di Italia Wave Surf Team (fondato nel 1981), il primo surf club italiano. Il team era capitanato dal viareggino Alessandro Dini, uno dei fondatori e presidente del suddetto club, la trasferta fu sponsorizzata dal suo surf shop, Natural Surf. I componenti del team, tutti versiliesi, erano convinti di essere la squadra più giovane iscritta all’EuroSurf ’87, ma quando giunsero nel ridente paesino di Les Sables D’Olonne situato sulla costa atlantica, poco sopra La Rochelle, scoprirono che un’altra squadra era alla sua prima esperienza internazionale: Israele.

La parola d’ordine divenne subito “mai ultimi”, pensando che la corsa per il penultimo posto sarebbe stata tra loro e il team israeliano. Errore! Israele si rivelò essere un team fortissimo e si classificò al terzo posto, sfiorando la vittoria, mentre la nostra squadra coronò il sogno di non arrivare ultima alla sua prima esperienza, piazzandosi 11° su 15 squadre. Tra il team italiano e quello israelieno si creò un legame immediato e sincero e tra Alessandro Dini e Simon Doyev, i due team manager, nacque una grande amicizia che 35 anni dopo è ancora ben salda.

Arthur Rashkovan a sinistra e Alessandro Dini a destra, rispettivamente il presidente e il vicepresidente MSA

Nel dicembre del 2019, poco prima dell’inizio del primo Covid, Alessandro ebbe un’altra idea geniale: creare la prima associazione mediterranea di surf, per rinsaldare e diffondere il vero spirito del surf, promuovendo la storia, le tradizioni e le culture delle varie realtà surfistiche bagnate dal Mare Nostrum.
Non un’associazione tesa a promuovere la competizione e l’agonismo esasperato, ma appassionatamente impegnata a esaltare eventi dove il vero focus è la diffusione di valori come amicizia tra i popoli, rispetto e tolleranza.

La prima persona con cui pensò di parlare fu l’israeliano Arthur Rashkovan, grande amico di Simon Doyev e fondatore di SURF4PEACE che promuove l’amicizia tra surfisti israeliani e palestinesi. Arthur abbracciò immediatamente l’idea di Alessandro e i due organizzarono un meeting in Sardegna dove parteciparono anche i rappresentanti di Grecia, Creta e Cipro. Al termine della seconda giornata, dopo aver sentito telefonicamente il parere di altre nazioni, fu redatto l’atto costitutivo della MSA (Mediterranean Surfers Alliance) e si votò per le cariche: Arthur presidente e Alessandro vicepresidente .

Nel frattempo, l’originale iniziativa aveva attirato l’interesse dei più attenti osservatori della scena surfistica internazionale, primo fra tutti Corona, la birra sponsor del circuito mondiale professionistico WSL (World Surfing League). Per contribuire alla promozione di MSA, Corona ha deciso di produrre tre episodi incentrati sui pionieri e sulle origini del surf in tre paesi del Mediterraneo dove si è formata una interessante e significativa realtà: Israele, Italia e Grecia (inclusa Creta).

La scelta di girare il primo dei tre episodi in Toscana, e in particolare in Versilia, è basata sul fatto che è qui che il surf ha mosso in Italia i suoi primi passi e dove si è organizzato, dove si sono svolte le prime gare (1983), dove sono arrivate le prime leggende straniere, dove è stato aperto il primo surf shop (1983), dove è nata la prima rivista italiana di surf (Surf Magazine, 1992) e avuto sede per due mandati, la prima federazione surf riconosciuta dal Coni (Fisurf, 1997).

Saranno intervistati noti personaggi del surf toscano come i primissimi pionieri Mario Chiaramonte, Michele Dini, Ario Bertacca, Riccardo Marzucchi, Alberto Mannucci e surfisti che hanno più volte rappresentato l’Italia all’estero come Stefano Giuliani, Marco Urtis, Sole Rosi e molti altri. Spazio anche a uno dei primi shapers italiani, Riccardo Zorzit Lapasin e altri illustri personaggi del surf toscano.

Per le riprese di surf, sono stati reclutati due dei più noti e titolati surfisti toscani: il longboarder Alessandro Ponzanelli e lo shortboarder Giovanni Evangelisti. Le riprese verranno effettuate in occasione della prima grande mareggiata che arriverà nella finestra temporale dal 14 al 30 novembre.

Non resta che attendere che dopo un autunno assai avaro, Nettuno si decida a spingere verso le nostre coste una solida e potente mareggiata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui