Pubblicità
Home Surf News L’ultimo saluto al fratello di onde Gimmy De Agostini
Pubblicità

L’ultimo saluto al fratello di onde Gimmy De Agostini

0

Come un fulmine a ciel sereno se ne è andato. Una notizia improvvisa che ha sconvolto tutta la comunità surfistica Sarda e la nostra redazione. E’ morto martedì 9 febbraio Gianmarco De Agostini, surfista cagliaritano di soli 30 anni, coinvolto in un incidente stradale lungo la strada statale sulcitana.
Gimmy stava rientrando dopo un check degli spot nella zona di Chia quando la sua auto, all’altezza del chilometro 6.500 della statale 195, ha invaso la corsia opposta scontrandosi frontalmente contro una Fiat 500 guidata da un 47-enne di Capoterra, sopravvissuto all’impatto ma ricoverato in condizioni gravi.

Le cause dell’incidente non sono ancora state accertate. Gianmarco lavorava nel settore dell’antincendio e la sua passione per il mare e le onde era grandissima: conosciuto da tutti i surfisti in Sardegna e anche in continente, ha partecipato a diverse gare raggiungendo buoni risultati.

Sui social sono moltissimi i messaggi condivisi per Gimmy sulla pagina facebook e sul profilo personale del giovane surfista. Marco Littera, carissimo amico e proprietario della Break Point Surf School di Cagliari, ha organizzato un Paddle Out in memoria del fratello di onde, un saluto collettivo che si svolgerà domenica 14 nel rispetto delle norme anti-Covid.

Domenica 14 alle ore 11:00 alla quinta fermata del Poetto fronte Twist bar usciremo in mare per dargli il nostro saluto.. ma non sarà un addio perché lui sarà in ogni onda che surferemo… a lui sarebbe piaciuto ricordarlo così…nel suo amato mare… chi vuole unirsi in questo grande cerchio è il benvenuto, per fargli sentire e vedere fin lassù che non verrà mai dimenticato.
la nostra scuola metterà a disposizione tavole per chi non dovesse averle…organizzeremo l’entrata tenendo il distanziamento visto le norme vigenti…ma saremo vicini nell’anima per lui..

A breve vi forniremo altri dettagli al riguardo. Nel frattempo ci teniamo a condividere i pensieri di alcune persone che conoscevano il nostro amico.

“Siamo una grande famiglia, avvolte lo dimentichiamo… e Jimmy ce lo ha ricordato.
Chiunque surfi in Sardegna ha condiviso tantissime session con lui. In mare l’ho visto sempre concentrato e determinato a dare il massimo. Ci teneva davvero. Era un sognatore, un vero surfista, una di quelle persone che puntavano a migliorarsi sempre, ad ogni costo, in quasi ogni giornata di onde Jimmy c’era e spesso lo trovavi già in acqua, spesso con i suoi amici del cuore, ed era affamato di onde! Guardandolo surfare in tutti questi anni l’ho visto progredire tanto nel surf e posso dire che è diventato uno dei più forti surfisti dell’Isola, grazie alla sua grande forza di volontà, grazie alla costanza e all’impegno.
Mi dispiace non averglielo mai detto.
Tutti i surfisti dell’Isola lo conoscono e sanno quanto significasse per lui il surf, era la sua vita. E noi lo ricorderemo, tra le onde del Mare.
Da parte di tutta la comunità surfistica.” Alessandro Piu

“In bianco e nero. Perché le foto in bianco e nero non hanno tempo, non mi ricordo la prima volta che ci siamo conosciuti è passato troppo tempo non mi ricordo la data di tutte le foto e i video assieme..ma ricordo ogni attimo ogni risata ogni scemenza detta ogni tua lacrima e ogni tua gioia…perché per me sarai sempre un fratellino che voleva solo essere amato…mi piacerebbe che tu vedessi ora quanta gente ti vuole bene ti ricorda e ti apprezza..si parlo al presente perché per me ci sarai sempre… ti voglio un infinità di bene.. per fortuna te l’ho detto tante volte.
Mi mancherai.” Stefania Marica

“Quando Matteo mi ha detto della tragica notizia ho stentato a crederci, ma purtroppo era tutto vero. Ci sono persone che non importa quanto tu le conosca, entrano nella tua vita e ti trasmettono una positività che fa star bene, diventando subito grandi amici. Gimmy era così, un amico di onde che vorresti avere al tuo fianco in lineup. Nonostante ci conoscessimo da anni ma ci fossimo incontrati poche volte, non dimenticherò mai quella session insieme alla Torre. Onde in crescita da Sud-Est con vento attivo, risacche senza un senso ma tanta voglia di condividere una surfata, una session che nonostante tutto ci ha regalato grossi sorrisi. Ed è così che voglio ricordarti, per il tuo grande sorriso e la tua positività. 
In un post hai preso l’aforisma di Mark Twain scrivendo: “Tra vent’anni sarai più infastidito dalle cose che non hai fatto che da quelle che hai fatto. Perciò molla gli ormeggi, esci dal porto sicuro e lascia che il vento gonfi le tue vele. Esplora. Sogna. Scopri.” – era il 2019. La sorte, Dio o chissà cosa non ha voluto darti la possibilità di metterti in gioco fino in fondo. Tu molto più di altri lo avresti meritato. La vita è fragile e vulnerabile, ma il tuo pensiero non smetterà di ricordarmi di mollare gli ormeggi, uscire dal porto sicuro e lasciare che il vento gonfi le proprie vele.
Ciao Gimmy, mi mancherai” – Michele Cicoria

“Un sogno,sempre alla ricerca dell’onda perfetta, sempre alla ricerca del perfezionamento, sempre alla ricerca del divertimento…un’unica parola, SURF.

Il mio sogno inizia a 13 anni…
Posai lo sguardo su un onda…e su un uomo che la domava…dovevo provare anche io a domare le onde ad essere così bravo…
Ecco, la prima volta…
Non scorderò mai l’indescrivibile sensazione di paura misto adrenalina che mi si scaricò dalle punte dei capelli sino alle punte dei piedi…
Sono passati 10 anni… e quella sensazione è sempre la stessa.
Il surf è una passione coinvolgente, plagia la mente di chi ne è schiavo, io dedico la mia vita a questo sport, e non la cambierei per nulla al mondo…e questo lo faccio per me stesso, per le persone che credono in me e per quella prima volta che tutti sanno che non sarà l’ultima…”Gianmarco “Gimmy” De Agostini

R.I.P. Gimmy

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità