Pubblicità

No-Made Boards, dal legno l’artigianato retrò

0

Forse è proprio la scarsa frequenza di onde che ci permette di pensare, studiare e ideare…o forse è qualcosa di intrinseco nel nostro DNA culturale, ma le idee legate al surf in Italia sono sempre di più e noi siamo molto orgogliosi di possedere un’identità solida in questo settore così giovane, se paragonato ai colleghi dell’oceano.

Quest’oggi vi presentiamo una piccola realtà artigianale nata dalla passione di due fratelli residenti in costa est: No-Made boards nasce dall’amore per il surf e lo skate e nonostante sia uscita dal “garage” da poco tempo ha già ricevuto molti feedback positivi.
Eugenio e Federico amano modellare il legno: dopo aver raccolto diari di viaggio d’oltreoceano hanno studiato e testato nuove linee per arrivare a definire il proprio stile di shaping, il quale come una vera e propria forma d’arte unisce la sua impronta ad uno stile retrò che si affianca al made in Italy e al tema dell’ecosostenibilità.

La linea di tavole in legno No-Made suscitano grande interesse dal punto di vista estetico, ma oltre a questo garantiscono anche un’ottima funzionalità grazie al mix di ingredienti utilizzati: la costruzione in pioppo di paulownia e betulla garantisce infatti un’ottima resistenza che non è neanche confrontabile con quella di una tavola tradizionale! Penserete ora che il peso di una tavole in legno sia esagerato, invece questo incide solamente su ordini di grandezza intorno al 10-15% rispetto a quello di un surf tradizionale, realizzato in schiuma poliuretanica.

I ragazzi che le stanno utilizzando sono tutti rimasti felicemente sorpresi dal feeling che queste tavole regalano, soprattutto per quanto riguarda la fluidità della planata e la flessibilità in curva.
No-Made Boards realizza, oltre alle Wooden surfboard, anche skateboard, longboard, Handplane e Alaia, una linea dunque di oggetti molto interessanti, dal design ricercato e dalla forte impronta retrò.

Se queste tavole vi hanno incuriosito non vi resta che chiedere maggiori informazioni direttamente ad Eugenio e Federico contattandoli attraverso il sito >> www.nomadeboards.com , oppure sulla pagina facebook o instagram.

L’ecosostenibilità nel surf e lo shaping made in Italy stanno attraversando un bel periodo e ciò accade anche in Europa e nel mondo, come abbiamo potuto constatare personalmente all’ISPO di Monaco appena concluso. La nostra redazione è e sarà sempre a favore di queste piccole grandi realtà locali, poichè crediamo che anche dai piccoli gesti possano arrivare risultati di notevole impatto.