Pubblicità
Home Ciclismo Prodotti Northwave, due novità nella categoria road
Pubblicità

Northwave, due novità nella categoria road

0
Northwave, due novità nella categoria road
northwave extreme pro2

Avevamo celebrato il 30° compleanno dell’azienda veneta, che lancia ufficialmente la collezione pensando alla prossima stagione. Le novità Northwave sono diverse, partendo dall’abbigliamento fino ad arrivare alle calzature, off-road, road e gravel. Dopo le scarpe gravel lanciate in Aprile, le Rockster, il nostro approfondimento si concentra sulla novità della collezione road.

Northwave Rockster, la scarpa per fare gravel

Northwave Extreme Pro2

Tra le calzature più vincenti in assoluto e solo per citare un esempio, è il modello indossato da Filippo Ganna. Se messa a confronto con il modello precedente, la Extreme Pro2 adotta una rinnovata soluzione di chiusura della tomaia e porta con se il nuovo logo NW.

Partendo dalla suola, questa è la PowerShape Carbon 15 (numero che rappresenta il grado di rigidità nella scala Northwave, il massimo) che è realizzata 100% in carbonio UD. la predisposizione per la tacchetta a tre fori può trovare una facile customizzazione nel caso venga utilizzato il pedale SpeedPlay, grazie all’adattatore appositamente sviluppato. Inoltre la stessa suola presenta due feritoie, una anteriore e una posteriore per l’ingresso e la fuori uscita dell’aria. La punta è protetta da inserto di gomma, così come il tallone che presenta un tacchetto ad elevato grip. La sezione interna dell’arco plantare e ben sostenuta. Passando alla tomaia, questa limita al minimo le cuciture ed è costruita con il concetto Xframe2, senza punti di pressione. Anche in fase di chiusura, proprio le pressioni che si creano sono distribuite al meglio lungo tutta la sua superfice. I rotori sono due e di matrice SLW3. Quello alto ha un tiraggio diretto del cavo, mentre il secondo incrocio il cavo verso il basso. La soletta interna ha una doppia densità, utile per il comfort e pur un trasferimento ottimale della potenza. La parte interna del tallone presenta un tessuto che evita lo scalzamento del tallone.

Northwave, due novità nella categoria road
northwave extreme pro2

Extreme GT2

In un certo senso è più morbida e flessibile rispetto alla Extreme Pro2, capace di mantenere delle soluzioni e delle performance di altissima gamma. Si rivolge ad un pubblico che vuole una calzatura comoda, rigida e non eccessiva, fasciante e traspirante. La Extreme GT2 ha una suola Morph Carbon 12 AAS, con un inserto centrale (nel punto dove si ingaggia la tacchetta) 100% in carbonio. Anche in questo caso abbiamo la compatibilità con l’adattatore SpeedPlay. La sezione dell’arco plantare (Anatomical Arch Support, da qui l’acronimo AAS) è in materiale più morbido, ovvero in TPU che è applicato al resto della suola, capace di adattarsi a diverse forme del piede. Ci sono le protezioni per la parte anteriore e posteriore, che garantiscono anche un elevato grip quando si scende dalla bicicletta. La tomaia Xframe2 raggiunge spessori ridotti, fino a 0,5, resistente, leggera e ventilata. La chiusura è caratterizzata da due rotori.

Northwave, due novità nella categoria road
northwave extreme gt2

A cura della redazione tecnica. Ulteriori informazioni in merito alle collezioni e i prezzi aggiornati sono disponibili al sito ufficiale Northwave.

northwave.com

Articolo precedenteLepape Marmotte Granfondo Alpes Alpe d’Huez 2021
Articolo successivoGuida agli spot Wave di Fuerteventura, video
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità