Pubblicità
Home Ciclismo News Poc Omne Eternal il primo casco autosufficiente
Pubblicità

Poc Omne Eternal il primo casco autosufficiente

0
Poc Omne Eternal il primo casco autosufficiente
Poc Omne Eternal

Poc fa un altro passo in avanti nell’ambito della sicurezza integrata, un vero e proprio safety concept che collima sempre di più con la volontà di accontentare anche la parte più green dell’azienda svedese. Poc Omne Eternal è il casco che integra la luce a led nella sezione posteriore, con la ricarica autonoma che non necessità dell’utilizzo della corrente elettrica esterna.

Poc Omne Eternal il primo casco autosufficiente
Poc Omne Eternal visto di lato.

Poc Omne un vestito buono per tante occasioni

In un certo senso è il DNA di questo casco, il fatto di essere versatile ed accontentare tutti. Considerando il design e la struttura, Omne Eternal ha in comune le caratteristiche dell’Omne Standard. Scriviamo di un casco sostazioso e leggero al tempo stesso, con uno shape che gratifica differenti tipologie di utenza: road, gravel, commuting e anche off road.

Poc Omne Air Spin il casco che va bene per tutto

La parte superiore è una sorta di sensore

La sezione superiore del casco ha dei veri e propri pannelli chiamati Powerfoyle, che accalappiano la luce trasformandola in energia. La luce posteriore si spegne e si accende in modo totalmente automatico, tramite un sensore, come una sorta di crepuscolare. Come la versione standard, anche Omne Eternal adotta la densità ottimizzata della struttura, per non gravare sul peso finale e per offrire una protezione di altissimo livello. Inoltre, include i pads interni con il concetto SPIN, imbottiture leggere che assolvono anche al compito di proteggere e dissipare in caso di impatto. Poc Omne Eternal sarà disponibile a partire dal prossimo Giugno ad un prezzo di listino di 250 euro.

https://www.4actionsport.it/poc-omne-air-spin-il-casco-che-va-bene-per-tutto/
La parte superiore del nuovo casco di Poc. Questa sorta di telaio semi-trasparente integra i sensori di accumulo di energia e quelli per l’attivazione della luce.

A cura della redazione tecnica, immagini Poc

pocsports.com

Articolo precedenteLa delusione di Livigno davanti all’ennesimo STOP
Articolo successivoe-Enduro torna nel 2021 con un nuovo format
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità