Pubblicità
Dolomiti
Home Ciclismo News Pro Bike Gear, la Stealth di seconda generazione
Pubblicità

Pro Bike Gear, la Stealth di seconda generazione

0
Pro Bike Gear, la Stealth di seconda generazione

Pro Bike Gear lancia la seconda generazione della sella corta di riferimento, la Stealth. Le selle corte non sono un’esclusiva per i velocisti, per gli sprinter e per le bici da crono. Questa categoria di prodotti è molto utilizzata anche da atleti leggeri e dagli scalatori. Il continuo sviluppo, una ricerca costante in merito ne è ulteriore conferma, per una categoria che è cresciuta tantissimo nell’arco di un arco temporale contenuto. Vediamo alcuni dettagli della nuova Stealth.

Pro Bike Gear, la Stealth di seconda generazione

Pro Bike Gear e quell’idea ripresa dalle bici da crono

La Stealth è stata una delle prime selle trasversali, non tanto per il concept, quando per il fatto che è stata utilizzata sulle bici da crono e su quelle tradizionali. Era il periodo del Team Sunweb e della vittoria di Dumoulin al Giro d’Italia e qualcosa stava cambiando per l’intera categoria. Molti brand iniziavano ad approcciare in modo serio questa categoria di prodotti.

Stealth Superlight di Pro corta e superlight

Stealth Curved

Pro, marchio che orbita nella sfera Shimano, ridisegna e rinnova la Stealth, che ora adotta il suffisso Curved e che verrà proposta nelle versioni Team e Performance. Perché Curved: perché la Stealth di seconda generazione è caratterizzata da un profilo curvo, in modo da offrire diversi punti di appoggio e garantire un’eccellente stabilità in senso orizzontale. Ovvero, l’obiettivo è quello di azzerare lo scivolamento avanti e indietro, senza bloccare l’azione della pedalata ai lati. Le novità però non riguardano solo il design e lo shape, perché la nuova Stealth è stata oggetto di una profonda ristrutturazione per entrambe le versioni.

Pro Bike Gear, la Stealth di seconda generazione
Lo scafo e i rail della Stealth Team

Due versioni e stesso design

  • La Team, quella che consideriamo la top del catalogo adotta una struttura in polimero rinforzato (combinato con il carbonio) e il telaio full carbon, per un valore alla bilancia dichiarato di 161 grammi. L’imbottitura è in Eva ultraleggera.
  • La Performance invece, pur utilizzando il medesimo scafo ha i rails in acciaio, con un peso che supera di poco i 200 grammi. collimano con la versione precedente l’ampio canale di scarico centrale, ben strutturato in modo da evitare cedimenti, ma il naso leggermente più stretto. Tutta la zona anteriore è concepita per offrire il massimo supporto, anche a quei corridori che pedalano in punta di sella. Due le larghezze disponibili per entrambe le versioni: 142 e 152 mm.

pro bike gear stealth

A cura della redazione tecnica,. Immagini Pro bike Gear.

pro-bikegear.com

Articolo precedenteWind alert: 26-27 giugno
Articolo successivoJULBO Eyewear, gli occhiali da performance
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità