Home Surf Personaggi Sbiru Asunis, water photography made in Sardinia
Pubblicità

Sbiru Asunis, water photography made in Sardinia

0

Ciao Gianluca, benvenuto su 4surf. Partiamo dalla classica domanda di rito: da quando fai surf? Dove e come è iniziato tutto?
Ciao Michele e 4surf Magazine, grazie! Ho iniziato ad andare in bodyboard nel 1996 circa, poi dopo 3 anni mi sono comprato la mia prima tavola perchè la maggior parte dei miei amici mi spronava ad imparare a surfare con la tavola, dopodiché nel 2004 sono partito per l’Olanda perchè sono stato per più di 10 anni un professionista di inline skate (rollerblade sulle rampe e street) ed ho seguito varie gare in giro per l’europa, fino a maggio di quest’anno.
Purtroppo non ho potuto surfare tanto se non in vacanza perchè in Olanda l’acqua è veramente gelida e non mi trovavo tanto a mio agio, essendo abituato alle acque calde della Sardegna.

Su facebook tutti ti conoscono come Sbiru Asunis…da dove viene questo nome?
Asunis è il mio cognome, sbiru è un nickname che mi diede un amico mio nel lontano 1995 circa, e da allora tutti mi conoscono e mi chiamano così.

Quando è nata la tua passione per la fotografica? E come si è evoluta verso la water photography?
Ho iniziato a far foto e video nel 2008 circa quando ebbi una brand di abbigliamento e ruote per pattini, facevo appunto video e foto al mio team per pubblicizzarmi il brand sul web, poi qualche anno fa mi regalarono una gopro e nelle mie vacanze estive iniziai a scattare qualche foto e video in acqua, dopodiché a gennaio del 2017 ho comprato una nuova reflex e finalmente e la waterhousing.

Surfi e scatti in una delle zone migliori del Mediterraneo per le onde, se non la migliore. Come influenza la Sardegna il tuo stile?
Si in Sardegna siamo davvero fortunati ad avere un mare cristallino quasi ovunque, onde incredibili e paesaggi mozzafiato. Senz’altro la location conta tanto e da sempre un qualcosa in più ai miei scatti.

Qual è il tuo quiver fotografico?
Nikon d500, Aquatech waterhousing, nikon 50mm, tokina 10-17mm, nikon 70-300mm, pinne dafin.

Deve esserci un buon rapporto tra rider e fotografo? Perché?
Assolutamente si, comunicare in acqua con il surfista è importantissimo per poter riuscire a produrre degli scatti particolari, mettersi d’accordo sulla mia posizione e su dove lui dovrà fare la manovra etc..purtroppo non è sempre possibile riuscire a comunicare sopratutto quando lo spot è troppo busy, quindi bisogna arrangiarsi e muoversi velocemente con l’aiuto delle pinnette e posizionarsi al meglio per lo scatto.

Consideri la fotografia un hobby o un vero e proprio lavoro a cui aspirare?
Per me la fotografia è una passione, ma allo stesso tempo il mio lavoro ,infatti mi occupo di fotografia e di video non solo in acqua ma anche fuori dall’acqua, pubblicità, aziende, moda etc…

Come riesci a conciliare il tempo dedicato alla fotografia surf con quello da dedicare al tuo surf?
Questa e’ una bella domanda 🙂 Quando la condizione è veramente buona fotografo e se riesco mi faccio un oretta di surf dopo la session fotografica, se invece le onde non sono un granché mi faccio una bella surfatina con i miei amici e sono felice così…

Un consiglio che vorresti dare ad un principiante che si avvicina alla fotografia dall’acqua?
Rispetta il mare, inzia con una gopro e prendi confidenza con le onde, le correnti, le distanze tra te e i surfisti. Pian piano quando ti sentirai più sicuro potrai comprarti una waterhousing ed una reflex per poter iniziare a scattare. Ovviamente prima devi conoscere bene la tua reflex, prima di portarla in acqua, e imparare a scattare in manuale.
La cosa più importante è sempre avere pinnette e casco perchè quando meno te lo aspetti un surfista ti potrà venire addosso con la tavola oppure un’onda ti potrà travolgere, magari nel fondo ci sono degli scogli che sono abbastanza duri per la tua testa 🙂

Qual è il tuo water photographer preferito?
Zak noyle, Russel ord ,Ben thouard e Ray collins.

Spot Sardo preferito?
Secret e Guroneddu nella costa ovest, in genere se le condizioni sono buone fanno dei bei tubi su poca acqua e roccia.

Grazie per il tuo tempo Sbiru, ricordaci come seguirti per vedere i tuoi scatti della fantastica costa sud-occidentale.
Grazie Michele e 4surf magazine per l’intervista, per poter vedere i miei lavori oppure chiedermi qualsiasi informazione potete andare sulla mia pagina Facebook Gianluca Asunis Photography e su Instagram @asunisphoto

Ci vediamo in acqua, a presto

!

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità
Advertisement