Home Ciclismo Prodotti Shimano per il Gravel, race o avventura?

Shimano per il Gravel, race o avventura?

0
Shimano RX801R

Erede della popolare scarpa specifica per il Gravel Shimano RX8, la nuova RX801 fa un passo avanti nella costruzione della tomaia – ora più traspirante – e mantiene la suola in fibra di carbonio, super rigida, indispensabile per una ottima trasmissione della potenza ai pedali, su qualsiasi terreno. Le nuove RX801 (per la prestazione pura) e RX801R (per l’avventura) sono la somma delle migliori caratteristiche delle calzature Shimano per Mountain Bike e ciclismo su strada, sintetizzate in un prodotto in grado di bilanciare alte prestazioni sui pedali e confort anche scesi di sella.

Vestibilità ottimizzata

Indipendentemente dal fondo e dal terreno su cui si pedala, le nuove RX801 sono state sviluppate per garantire la massima efficienza e comfort. Un’area di contatto più ampia per il pedale e lo stabilizzatore del tallone integrato aumentano la sensazione di controllo, mentre la costruzione Surround Wrapping Upper abbraccia il piede per una vestibilità sempre ottimale. Il modello RX801introduce una gamma di mezze taglie così da permettere a un più ampio ventaglio di ciclisti di godere di una calzata precisa, sicura e senza il fastidio delle cuciture.

Il nuovo quadrante BOA® Li2 a basso profilo con impugnatura in gomma offre micro-regolazioni rapide e precise in modo da poter facilmente aggiustare la calzata anche durante la pedalata, prevenendo qualsiasi stress da punto di pressione nelle uscite più lunghe. La tecnologia DYNALAST, proprietaria di Shimano, assicura che il piede resti sempre in posizione, mentre la suola in composito di carbonio, rigida e leggera, massimizza la trasmissione della potenza e contribuisce all’efficacia della pedalata.

Caratteristiche principali

– Quadrante BOA Li2
– Tomaia in pelle sintetica leggera e traspirante
– Suola rigida in composito di carbonio
– Suola in TPU antigraffio
– Grafica vivida stampata a getto d’inchiostro
– Prezzo consigliato: 239,99 euro
– Peso: 268 grammi (taglia 42)
– Colori: nero, argento, foglie tropicali
– Taglie Standard: 38, 39, 40, 41-46 (con mezze taglie), 47, 48
– Taglie Wide: 40-48

Le nuove RX801R sono calzature dedicate al gravel riding piu avventuroso che mantengono tutte le caratteristiche del modello RX801 a cui aggiungono una cavigliera in maglia, aderente, che ne aumenta la protettività ed evita che ghiaia, sabbia e acqua si infilino nella scarpa. La ghetta integrata elimina lo spazio tra il piede e la scarpa per proteggere dalle intemperie, a garanzia di un comfort di guida impareggiabile sulle lunghe distanze.

Caratteristiche principali

– Cavigliera lavorata a maglia per una maggiore protezione
– Quadrante BOA Li2
– Tomaia in pelle sintetica leggera e traspirante
– Suola rigida in composito di carbonio
– Suola in TPU antigraffio
– Grafica vivida stampata a getto d’inchiostro
– Prezzo consigliato: 269,99 euro
– Peso: 290 g (taglia 42)
– Colori: Arancio metallizzato
– Taglie Standard: 38, 39, 40, 41-46 (con mezze taglie), 47, 48
– Taglie Wide: 40-48

Articolo precedenteCorso istruttori Adaptive Surf Acsi surfing, seconda edizione
Articolo successivoMoto Parilla Tricolore eMTB futuristica
Mi piacciono le biciclette, tutte, e mi piace pedalare. Mi piace ascoltare le belle storie di uomini e di bici, e ogni tanto raccontarne qualcuna. L'amore è nato sulla sabbia, con le biglie di Bitossi e De Vlaeminck ed è maturato sui sentieri del Mottarone in sella a una Specialized Rockhopper, rossa e rigida. Avevo appena cominciato a scrivere di neve quando rimasi folgorato da quelle bici reazionarie con le ruote tassellate, i manubri larghi e i nomi americani. Da quel momento in poi fu solo Mountain Bike, e divenne anche il mio lavoro. Un lavoro bellissimo, che culminò con la direzione di Tutto MTB. A quei tempi era la Bibbia. Dopo un po' di anni la vita e la penna parlarono di altro, ma il cuore rimase sempre sui pedali. Le mountain bike diventarono front, full, in alluminio, in carbonio, le ruote si ingrandirono e le escursioni aumentarono, e io maturavo come loro. Cominciai a frequentare anche l'asfalto, scettico ma curioso. Iscrivendomi alle gare per pedalare senza le auto a fare paura. Poi, finalmente arrivò il Gravel, un meraviglioso dejavu, un tuffo nelle vecchie emozioni. La vita e la penna nel frattempo erano tornate a parlare di pedali: il cerchio si era meravigliosamente chiuso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui