Specialized S-Works 7 Vent version

0
specialized s-works 7 vent road

Specialized S-Works 7 e Exos insegnano

Possiamo considerare la Vent come la versione estiva della S-Works7. L’obiettivo è quello di proporre una calzatura estremamente ventilata, leggera e confortevole, ma anche capace di non sacrificare quegli aspetti prestazionali che caratterizzano la S7.

Tanti plus messi insieme

Si parte dal Body Geometry concept, capace di garantire un corretto allineamento della gamba anche grazie alle solette interne con il bottone metatarsale. Questo significa far collimare comfort e la corretta circolazione del sangue. Ma la vera particolarità sono la costruzione della tomaia e la suola.

  • La prima è alleggerita e molto più aerata rispetto alla versione tradizionale. Si parte dalla sezione frontale  con due veri e propri ingressi che prendono il nome di Vented Mouthports. Qui il flusso d’aria entra in modo diretto e costante, uscendo dalla linguetta superiore e portando con se calore e vapore prodotto durante lo sforzo. Il resto della tomaia presenta degli inserti forati abbinati ad uno strato di Dyneema Mesh, capace di offrire un notevole supporto e longevità. I rotori per la chiusura sono due: sono la versione Boa S3, specifica per Specialized e in alluminio. I due Boa adottano la soluzione del tiraggio diretto del cavo, senza incroci. Il loro meccanismo interno permette un facile e veloce rilascio, anche nei momenti un cui si pedala. E’ presente anche un velcro che permette dia ggiustare il volume della calzatura nella sezione più avanzata. La talloniera esterna PadLock è uguale alle S-Works7.
  • La S-Works 7 Vent road ha la suola è comune al modello superleggero Exos (qui potete vedere anche il nostro test, proprio della Exos), full carbon di matrice Fact Powerline, con prese d’aria e le tre  bussole filettate in titanio per le tacchette. Il peso dichiarato della calzatura è di 230 grammi per la taglia 42. Le taglie disponibili vanno dalla 37 alla 47, nella colorazione bianca. Il prezzo di listino è di 399 euro.

a cura della redazione tecnica

specialized.com

Articolo precedenteTitici F-R102 la nuova bici aero e custom
Articolo successivoLa corsa al ribasso nel mondo della MTB
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui