Home Surf How to Yoga for surfers – la posizione a ponte

Yoga for surfers – la posizione a ponte

0

Rochelle Ballard e’ una delle surfiste piu’ influenti della nostra epoca, probabilmente la surfer con piu’ esperienza in circolazione, puo’ essere definita una vera e propria pioniera per cio’ che riguarda il surf femminile. La padronanza che puo’ vantare nell’ambito del surf da grandi onde e i numerosi riconoscimenti professionali, la rendono una delle piu’ stimate surfiste al mondo. Ritiratasi dalle competizioni dell’Association of Surfing Professional’s (ASP) World Championship Tour ormai 17 anni fa, si gode la vita nelle isole Hawaii e continua il suo viaggio appassionato che per lei e’ espressione di se’ stessa attraverso il surf, lo yoga, la salvaguardia dell’ambiente e la pellicola.

“Il ponte”
Questa posizione permette una meravigliosa apertura del Chakra del petto e del cuore, e inoltre migliora la flessibilita’ della colonna vertebrale. Com’e’ risaputo, i surfisti accaniti tendono ad accumulare tensione grazie alle continue rotazioni della braccia in avanti, dovute alla remata. Mantenendo il petto aperto e allungandosi si rafforzera’ la schiena e di conseguenza questo favorira’ una progressiva resistenza ai movimenti tipici del surf, con conseguente diminuzione dei dolori al termine dell’attivita’.

Mettendo i palmi delle mani verso il basso e lungo i fianchi, dovrete mantenere i piedi e le ginocchia paralleli e allineare i fianchi. Inspirare lentamente mentre premete verso terra con i palmi delle mani e sollevando i fianchi, alzandoli fino all’altezza del petto. Assicuratevi di tenere le coscia e le ginocchia che gravino sui vostri piedi, facendo il grosso del lavoro con le gambe e non con i glutei. Quando vi sentite pronti, intrecciate le dita sotto la colonna vertebrale, ruotate le spalle in modo da aprire la cassa toracica e portare le scapole in direzione della colonna vertebrale

Mantenete la testa e lo sguardo dritto davanti a voi per proteggere il collo, nel mentre continuate a respirare serenamente e profondamente ma usando rigorosamente il naso, sentite le coste allargarsi durante l’inspirazione e la gabbia toracica contrarsi durante l’espirazione. Questo lavoro sta facendo lavorare il vostro diaframma. Se volete fare un ulteriore passo in avanti potete afferrare le vostre caviglie. Questo vi preparera’ a incurvare la schiena in quello che viene chiamata la posizione a “ponte”.

Per tornare alla posizione normale, rilasciate lentamente le dita, appiattite le scapole facendole aderire al suolo, abbassate lentamente la colonna vertebrale fino ad appoggiarla al terreno, cercate intanto di ritrarre l’ombelico verso l’interno il piu’ possibile. La parte bassa della schiena dev’essere appoggiata a terra per ultima.
Ripetere per una durata piu’ lunga vi dara’ maggiori benefici.

Potete guardare un VIDEO di esempio.

I vantaggi di questa posizione sono:

Apre e allunga il torace, il collo, la colonna vertebrale e le anche.
Rinforza i glutei, la schiena e la parte posteriore delle gambe.
Calma il sistema nervoso centrale, stimola la circolazione sanguigna, i polmoni, la tiroide e gli addominali.
Aiuta anche la digestione e riduce il mal di schiena, la stanchezza, il mal di testa e l’ansia.

Fonte: www.theinertia.com

Bruno Muskitiello – Meteo & Surf

info@meteoesurf.it