Il nuovo Tacx Flux2 Smart, il nostro test

Tacx Flux2 Smart è uno degli ultimi hme trainer sviluppati dal marchio olandese, che dalla precedente versione riprende parte del design, completamente riprogettato nelle funzioni.

22/02/2019
scritto da Alberto Fossati

Questo di Tacx, Flux2 Smart, è di fatto la seconda generazione di uno degli home trainer di riferimento dell’azienda olandese, un vero e proprio sistema per il training indoor dal rapporto qualità/prezzo/prestazioni, ottimale. Flux2 dotato di tecnologia Smart ha l’obiettivo di offrire le potenzialità di un top di gamma ad un prezzo più contenuto. Rispetto al passato, questa evoluzione del Flux è maggiormente completo sotto il profilo tecnico, più fluido e silenzioso.

Una vista laterale di Tacx Flux2 Smart

un’immagine del modello Neo Smart appena uscito dalla catena di montaggio, all’interno dell’azienda la cui sede è in Olanda nei pressi di Amsterdam.

Se il Neo Smart ha dettato nuovi standard per quanto concerne design e funzioni, il Flux è stato in grado di offrire un prodotto dal rapporto qualità prezzo ottimale, uno strumento concepito per un training di qualità più accessibile rispetto al modello top. Partiamo da quello che si vede, dall’estetica, uno strumento che possiamo differenziare in due sezioni. Quella frontale è composta dalle due estensioni oblique con volume diverso tra loro per aumentare la stabilità e la distribuzione dei pesi.

Vista frontale del Flux2 Smart

La seconda è il cuore del trainer che adotta l’aggancio diretto alla trasmissione della bici, senza ruota. Qui è stata fatta un’operazione di dimagrimento dal lato drive, che consente di montare biciclette con il bilanciere lungo. Non solo: è stata aumentata la compatibilità riferita alla larghezza del carro posteriore, capace di supportare le bici tradizionali con quick relaise, fino ai boost da 148 mm con i relativi perni passanti, il tutto tramite adattatori forniti nella confezione.

Il corpetto Tacx che è naturalmente predisposto Shimano, non più Edco come in passato

I vari adattatori che permettono di montare le bici con perno passante.

Il corpetto, dove vanno ingaggiati i pignoni non è più marchiato Edco (come evidenziato dalla foto) ma è prodotto direttamente da Tacx, specifico per Shimano oppure l’opzionale Campy. Internamente il pacchetto è costituito da un volano dal peso di 7,6 kg e da tutta la parte elettronica. Il rullo è gestito tramite connessione Bluetooth e Ant+, interfacciato al pc Windows oppure Apple, con gli smartphone e tablet Android o iOs. La piattaforma web di Tacx è in costante evoluzione e permette di sviluppare allenamenti pre-definiti, con filmati che sono al limite della realtà, oppure creando da zero delle sedute. Flux 2 Smart elargisce una resistenza massima di 2000 watt e simula una pendenza che arriva a toccare il 16% (con un peso del ciclista di 75 kg). Un altro importante aspetto è quello che Garmin ha acquisito Tacx, un ulteriore valore aggiunto che offre l’opportunità di sviluppare ulteriormente tutta la piattaforma interattiva. Il prezzo di listino è di 799 euro.

tacx.com

ciclopromo.com

LE NOSTRE IMPRESSIONI

La differenza rispetto al modello più anziano c’è e si percepisce sin dalle prime pedalate. Il particolare che emerge subito è un suono più armonico dell’intero sistema, meno metallico rispetto al passato, anche quando le rpm aumentano in maniera esponenziale: anzi, più si gira veloce e più il rumore sembra diminuire. La seconda particolarità è la fluidità maggiore e un equilibrio ottimale della resistenza applicata durante lo sforzo. Non si percepiscono scalini neppure quando vi è una variazione importante di watt, dal basso verso l’alto e viceversa: tutto risulta molto più fluido, quasi vellutato. Il suo design e il perfetto allineamento del perno posteriore al movimento centrale della bici, offre il vantaggio di bypassare l’eventuale utilizzo di un blocco per la ruota anteriore.

Questa è la Neo Bike Smart

Flux 2 Smart può essere utilizzato anche senza programmi virtuali attivati, senza il collegamento al pc. In quest’ultimo caso la resistenza è costante e non aumenta man mano che crescono il numero di rpm e la velocità: per dare un’idea maggiormente precisa, si sviluppa una potenza di 180 watt a 85 rpm (con power meter Stages Carbon). Flux 2 Smart è configurabile con un device che supporti la trasmissione Ant+. Nel caso si volesse sfruttare la piattaforma Tacx Training Software, questa permette di fare qualsiasi cosa, dalla creazione di allenamenti personalizzati in base alle esigenze dell’utente, corse con tracce gps già esistenti e importate dall’esterno, oppure tramite i filmati Tacx (acquistabili a parte). Non vogliamo entrare nel merito del sistema software di Tacx, una piattaforma ampia e valida sotto molti punti di vista, facilmente accessibile, che permette di lavorare anche in modalità offline. Per configurare l’home trainer con un pc Windows è necessario avere un’antenna Ant+, mentre associare il Flux 2 con uno smartphone è cosa molto semplice e che avviene con trasmissione Bluetooth. Flux 2 Smart è un rullo adatto a tutte le categorie di utenti: a chi utilizza il training indoor per fare delle sedute specifiche di qualità, sfruttando il sistema nel pieno delle sue potenzialità ma anche per chi fa girare le gambe dopo una giornata lavorativa, semplicemente per scaricare lo stress quotidiano.

Potrebbe interessarti anche

Commenti