Pubblicità
Home Ciclismo Prodotti Limar Air Stratos, il casco endurance e gravel
Pubblicità

Limar Air Stratos, il casco endurance e gravel

0
Limar Air Stratos, il casco endurance e gravel

Anche Air Stratos fa parte della categoria Air Revolution di Limar, che porta con se importanti concetti di aerodinamica e comfort. Di questo segmento fanno parte i modelli Air Pro, Speed e Master, Air Star e King.

Limar Air Stratos, il casco endurance e gravel

Limar Air Stratos, un casco endurance

Generalmente, chi percorre lunghe distanze, siano esse in un contesto road, oppure gravel, ma anche combinando i due ambienti, ricerca prima di tutto il comfort e una ventilazione ottimale. Ovviamente senza sacrificare la protezione. Limar Air Stratos nasce con l’obiettivo di far collimare questi diversi aspetti, senza snaturare il DNA delle nuove collezioni Air Revolution. Air stratos è una sorta di casco endurance, gravel e adventure, leggero ed aerodinamico.

Limar Air Stratos, il casco endurance e gravel

Come è fatto

È costruito grazie alla soluzione In-Mold con doppia calotta, fattore non banale che permette di avere un prodotto leggero e estremamente sicuro in caso di impatto. L’EPS interno è un blocco unico, mentre la calotta esterna ha il compito di compattare e di fornire anche un impatto visivo gradevole.

Ci sono 15 feritoie anteriori, laterali e posteriori, che collimano con i canali interni per una distribuzione ottimale dei flussi d’aria. Il sistema di chiusura si basa sul classico abbinamento tra le fibbie il pannello posteriore munito di rotore micrometrico. Quest’ultimo permette anche di adattare il casco alle forme della testa, dal punto di vista perimetrale.

È disponibile in due taglie, M (53-57) e L (57-61), rispettivamente con un valore alla bilancia dichiarato di 240 e 250 grammi. Sono ben sette le colorazioni disponibili a catalogo: irideshente matt black, deep green e silver, irideshent white, blu, red e amaranth. Il prezzo di listino è di 99,95 euro.

ciclopromo.com

Articolo precedenteFanatic Wave e Freestyle range 2022
Articolo successivoItalian Bike Festival 2021: le novità, seconda parte
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità