Home Mtb Eventi MTB TALKS 2021: Sentieri verso un futuro migliore
Pubblicità

MTB TALKS 2021: Sentieri verso un futuro migliore

0
MTB Talks Dolomiti Paganella Bike - relatori
I relatori di MTB Talks 2021 insieme a Luca d'Angelo, Destination Manager per APT Dolomiti Paganella

È stato veramente un piacere presenziare all’edizione 2021 di MTB Talks, il primo convegno internazionale sulla MTB in Italia, dopo lo stop forzato del 2020 causato dalla pandemia.

MTB Talks 2021 - chalet
Chalet Pian dei Sarnacli, sede di MTB Talks 2021

Il tema di quest’anno è stato “Trails to a better future” (Sentieri verso un futuro migliore). Si è rivelato incredibilmente appropriato per questo periodo storico portando ad Andalo, in Dolomiti Paganella Bike, un fantastico gruppo di professionisti del settore, motivati ed entusiasti di condividere le loro esperienze e conoscenze su come sviluppare turismo sostenibile basato sulla mountain bike.

Ecco un breve ma significativo sommario degli interventi dei vari relatori intervenuti sabato due ottobre (qui la nostra preview).

Martin Wyttenbach – Direttore del gruppo di pianificazione ambientale, Università di Zurigo

"MTB

Martin Wyttenbach ha iniziato definendo la mountain bike come un’attività ricreativa sostenibile solo quando gli aspetti sociali, ecologici ed economici dello sport sono in equilibrio. Nella sua presentazione si è concentrato sugli aspetti sociali ed ecologici, descrivendo come l’osservazione dei comportamenti e la raccolta di dati possano condurre a decisioni più sensate in fase di pianificazione, specialmente di fronte a questioni complesse e potenzialmente conflittuali come la relazione tra la mountain bike sui sentieri e la protezione della fauna in una foresta.

Riccardo Negro – Vice presidente, Finale Outdoor Region Sport & Events

"MTB

Riccardo Negro ha condiviso la sua esperienza nel gruppo di lavoro di Finale Ligure, una delle destinazioni MTB più blasonate in Europa, dove la mountain bike è cresciuta rapidamente complimentando un’economia turistica tradizionale basata sulla stagione estiva, portando un flusso di presenze costante in tutte le stazioni e molti eventi di rilievo. Questo ha però portato anche numerosi problemi e conflitti, che ora sono attentamente gestiti da un consorzio centrale che aiuta a coordinare la costruzione e manutenzione dei sentieri, i servizi di navetta, e coadiuva gli imprenditori locali nel comprendere l’importanza del turismo in MTB, sia come fonte di guadagno che come gruppo di utenti con esigenze specifiche.

Olve Norderhaug – CEO e manager, Trysil Bike arena

"MTB

Olve Norderhaug ha condiviso la sua esperienza come manager di Trysil, la stazione di sci più grande della Norvegia. Con il suo team, e una attenta pianificazione, Olve è riuscito a far diventare Trysil una destinazione estiva molto frequentata, bilanciando l’offerta invernale e aiutando a generare introiti per tutto l’anno. Focalizzandosi sulle famiglie e costruendo sentieri sicuri e divertenti per tutti, e con l’aggiunta di innovative strategie di marketing, Trysil è rapidamente diventata una delle destinazioni MTB più conosciute in Europa e persino nel mondo.

Alberto Martinelli – Co-fondatore, Bike Le Rocche e RITM Media Agency

"MTB

Alberto Martinelli ha condiviso la sua interessante prospettiva su come sviluppare il turismo in MTB senza un elemento fondamentale: i sentieri. La sua azienda di tour Bike Le Rocche opera infatti in un’area protetta in Abruzzo, dove la costruzione di nuovi sentieri è assolutamente proibita. Con il suo team ha dovuto ri-scoprire una rete esistente di sentieri e strade sterrate e collegarle insieme in una serie di itinerari utilizzabili dalla loro clientela, per la maggior parte proveniente dall’enorme bacino di utenza rappresentato dalla città di Roma con i suoi 3,5 milioni di abitanti.

Adrian Greiner – Fondatore e direttore, Bikeplan AG

"MTB

Adrian Greiner (Bikeplan AG) ha parlato dell’importanza di una pianificazione dettagliata anche per le destinazioni già affermate, come Zermatt sul versante svizzero del Monte Cervino, specialmente quando l’obiettivo è lo sviluppo della MTB come parte di un’offerta di turismo sostenibile. Solo attraverso l’analisi minuziosa dei dati e un’attenta pianificazione una destinazione può sviluppare o migliorare la sua offerta legata al mountain biking, bilanciando l’interazione con gli altri gruppi di utenti e con una chiara visione per il futuro. Punti forti e deboli devono essere immediatamente riconosciuti e gestiti, anche in una situazione apparentemente positiva.

Xavier Serret – Co-presidente, Collserola Sport Respecte Cyclisme/fondatore – Elevated MTB

"MTB

Xavier Serret ha condiviso i due lati della sua esperienza, uno negativo e uno positivo. Come co-presidente dell’associazione CSRC, Xavier si sta confrontando con la proibizione quasi totale della MTB nel Parco Naturale di Collserola, direttamente collegato alla città di Barcellona. Anni di cattiva gestione, aumento della frequentazione dopo la pandemia, e la vicinanza a un’area urbana hanno esasperato la situazione fino a far dichiarare illegale la pratica della MTB sui sentieri, ma senza nessuna autorità preposta a far rispettare il divieto. Oltre a questo, Xavier sta lavorando al progetto Elevated MTB, un innovativo progetto per la costruzione di un bike park con seggiovia dedicata aperto tutto l’anno vicino alla città catalana di Ripoll.

Luca D’Angelo – Direttore APT Dolomiti Paganella, Project Manager Dolomiti Paganella Bike

"MTB

Il Direttore APT Dolomiti Paganella, Luca D’Angelo, ha chiuso la discussione descrivendo l’impegno intrapreso da Dolomiti Paganella Bike nel campo della gestione sostenibile dei sentieri, illustrando alcune delle tecniche che poi sono state illustrate il giorno successivo sui sentieri durante il workshop guidato da Ezio Cattani di Danger Zone, la mente dietro la costruzione e la manutenzione dei sentieri in Dolomiti Paganella Bike.

MTB Talks 2021 - sala convegni
La sala convegni dello Chalet Pian dei Sarnacli, Andalo

Degna chiusura presso il Trail Center The Cave di Andalo

Dopo una intensa e interessante sessione pomeridiana di conferenza i partecipanti hanno potuto rilassarsi e condividere le loro impressioni al party supportato da Crank Brothers presso il trail center “The Cave” di Andalo, prima di una mattinata in bici sui sentieri di Andalo, dove Ezio Cattani e il suo staff hanno illustrato le più avanzate tecniche di gestione sostenibile dei sentieri del park durante il workshop conclusivo di MTB Talks 2021. Qualche run tra gli splendidi colori autunnali dei trail di Dolomiti Paganella Bike e un pranzo tipico al Rifugio Dosson hanno chiuso felicemente il weekend.

MTB Talks 2021 - The Cave Trail Center Andalo
Street Food e birri artigianali trentine per chiudere degnamente la serata presso The Cave – Trail Center, Andalo
MTB Talks 2021 - Trail Center Andalo
Il punto vendita e noleggio Danger Zone presso il Trail Center di Andalo

L’appuntamento è per l’edizione 2022, presto potrete leggere il nostro approfondimento riguardante il workshop di domenica 3 ottobre sui trail di Andalo Zone con Ezio Cattani, a capo del team di trail builder di Dolomiti Paganella Bike.

[foto: Dolomiti Paganella Bike]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità
Advertisement