Pubblicità
Home Ciclismo Tecnica Shimano Di2, quei due pulsanti sugli shifters
Pubblicità

Shimano Di2, quei due pulsanti sugli shifters

0
shimano di2

Anche grazie alle bici con i freni a disco, le trasmissioni Shimano Di2, hanno avuto un successo notevole, non solo nell’alto di gamma, ma anche nella fascia media del mercato (Shimano Di2 Ultegra). Non tutti però sanno sfruttare il sistema al pieno delle sue potenzialità. In questo spazio cerchiamo ci focalizziamo sui due pulsanti posti sopra alle leve dei comandi. Che sia Dura Ace Di2, oppure Ultegra Di2, dobbiamo sempre partire dal presupposto che queste trasmissioni sono uno strumento di precisione, pensato per gli agonisti.

Gli shifters Shimano Di2

Il blocco del comando Di2 è sostanzialmente composto da tre pulsanti, due ben visibili e uno posizionato sotto al poggiamano. Ovviamente non dimentichiamo la leva del freno. I due bottoni laterali (due per ogni leva) servono per far salire e scendere la catena, dai pignoni e dalle corone. Il loro funzionamento può essere personalizzato tramite la piattaforma E-Tube Project di Shimano: ad esempio si può invertire la loro azione.

shifters shimano di2
La leva della trasmissione Shimano Di2 Dura-Ace per i freni a disco.

E poi ci sono due piccoli pulsanti che non si vedono, posizionati sopra al comando e nascosti dalla gomma del poggiamano. Cosa sono? A cosa servono? Come possiamo usarli, sfruttarli e beneficiare della loro presenza? Di seguito vediamo alcuni punti e passaggi che possono diventare utili.

Questo è il comando Shimano Ultegra Di2 della piattaforma tradizionale, quella senza i dischi. Nell’immagine bene si nota il pulsante superiore.

Dobbiamo configurarli con E-Tube

Questi due pulsanti non sono configurati con le specifiche base, ovvero quando la bici è appena uscita dalla fabbrica. Siamo noi, oppure il nostro meccanico che ha il compito di attivarli e di renderli funzionanti. La loro attivazione è possibile grazie alla configurazione tramite la piattaforma E-Tube Project di Shimano, pacchetto che gestisce le trasmissioni con base elettronica e funzionamento a batteria.

Shimano E-Tube: perché è importante aggiornare

Da quel momento possiamo anche decidere in che modo utilizzare le loro funzioni. Di seguito entriamo nelle specificità dell’argomento.

shimano di2
Alcune fasi di configurazione dello shifters, tramite pc e utilizzando la piattaforma E-Tube

Per cambiare le schermate del device

Si, è possibile utilizzare i due pulsanti superiore degli shifters per cambiare le schermate del nostro device. Il ragionamento ci fa pensare ad alcune dinamiche legate alla sicurezza, ovvero, pur tenendo sotto controllo i nostri valori, non stacchiamo le mani dal manubrio e dalle leve del freno. E’ necessario verificare la compatibilità della app che gestisce il device e l’interfacciabilità del device stesso, così come la presenta del dispositivo Shimano D-Fly all’interno del frame della bici. 

shimano etube project
La preparazione e configurazione del device con il campo che ci permette di leggere i rapporti.

Per la trasmissione

Gli stessi pulsanti diventano una sorta di aggiunta a quelli laterali che usiamo per cambiare rapporto. Possiamo usare questi bottoni per far scendere e salire la catena sui pignoni posteriori, oppure configurarli per cambiare la posizione della catena sulla corona davanti. Si integra perfettamente con le tre funzioni della trasmissione Shimano Di2: quella manuale, la Semy-Synchro e la full Synchronized-Shifting. Qui di seguito riprendiamo un precedente articolo (e video), che mostra alcune caratteristiche delle funzioni automatiche, comuni ai pacchetti con e senza disco.

Shimano DuraAce Di2, ecco la nostra prova

Utili quando pedaliamo in salita e in fuori sella

I due pulsanti superiori, una volta configurati e abbinati alla trasmissione, sono particolarmente apprezzati dagli scalatori e/o da chi pedala molto in fuori-sella. Sono facilmente raggiungibili dai pollici e permettono di cambiare rapporto senza staccare la mano dal corpo del comando. Questa soluzione, collima con un’azione dinamica che non fa perdere la concentrazione quando siamo sotto pressione, o semplicemente ci permette di continuare a spingere senza staccare le mani dal manubrio.

shimano di2 gli shifters

Il mio telefonino e il tablet non si collegano alla trasmissione

E’ possibile che non ci sia il collegamento con “l’antenna” Shimano D-Fly, che è una sorta di trasmettitore e interfaccia per Ant+ e Bluetooth. Tutta la trasmissione però, è perfettamente configurabile e personalizzabile tramite il pc e il collegamento con il cavo.

shimano d-fly

In conclusione

Come scritto in precedenza, la piattaforma Shimano Di2, a prescindere dalla trasmissione in dotazione, è uno strumento di precisione che ha enormi potenzialità. Alcune delle funzioni che porta in dote sono state sviluppate grazie ai feedback dei professionisti e molte sono utili anche in ambito amatoriale, ai fini di una maggiore sicurezza quando pedaliamo, concentrazione e comfort. Imparare ad utilizzarle, sfruttarle e capirne le reali potenzialità può essere divertente, oltre che utile ai fini della prestazione nella sua totalità. Prestazione e performances, non solo quella del Di2, ma anche e soprattutto la nostra.  

shimano di2

a cura della redazione tecnica, immagini della redazione tecnica e Matteo Malaspina.

bike.shimano.com

 

Articolo precedenteMonte Sagro: powder in zona arancione
Articolo successivoCiocco Bike Circle: Mondiali Masters MTB Marathon a settembre
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Pubblicità