FTP e bici categorizzare e personalizzare

0
ftp

Dopo aver sviluppato una serie di approfondimenti sulle corone, qui di seguito riprendiamo i due articoli, ecco un altro articolo che segue l’argomento FTP.

Corone a confronto 53/39 vs 52/36 cosa cambia

Le corone della bici da strada a confronto

Un FTP “grosso” ed è tutto più facile

L’FTP, gioia e dolori del ciclismo moderno, per l’atleta e anche per i preparatori. FTP è l’acronimo di Functional Threshold Power, per molti un numero sul device, per alcuni la base dell’allenamento, per tantissimi quella cifra che sancisce chi l’ha più grosso tra un gruppo di ciclisti (citazione di coach Luca Bianchini che diventa una sorta di totem). Questo dato è il risultato della nostra forza moltiplicata per la velocità di rotazione. VELOCITA’ DI ROTAZIONE, un valore spesso dimenticato o a cui non diamo la giusta importanza.

ftp

Le rpm ottimali

Non di rado, quando andiamo ad eseguire un test FTP ci concentriamo (e ci fanno concentrare) sul wattaggio. Ci lasciamo condizionare dai valori e dei watt che leggiamo, che ci raccontano gli amici, dai dati FTP che ci possono integrare in quella categoria dell’olimpo dei campioni, oppure ci inseriscono tra i comuni mortali. Quello che perdiamo per strada è la capacità di leggere, capire ed interpretare una serie di fattori che si nascondono dietro a quel numero. Prima di tutto, quali sono le rpm ottimali che caratterizzano il mio motore e che mi permettono di lavorare al meglio nel breve, medio e lungo termine?

L’indoor insegna

Le ore di indoor cycling, in questo periodo ne abbiamo fatte molte, diventano uno strumento davvero buono per capire quale è il regime di rpm ottimale per noi. In scarico, oppure attraverso un’attività intensa e specifica, l’allenamento indoor ci permette di capire quale è il range di pedalata più congeniale.

Questo perché; pedalare al chiuso elimina una serie di variabili con le quali ci dobbiamo confrontare all’esterno. Certo, lo possiamo fare anche outdoor, ma il dato non sarà mai filtrato e limpido al 100%. Allenarsi e capire come farlo per migliorare, gareggiare e uscire in bici! Tre cose molto differenti tra loro.

grafico magneticdays

Quando l’FTP è falso

Prima di tutto è necessario dire che l’FTP è una base di lavoro, un dato utile alla costruzione di una preparazione specifica e personalizzata. Molti lo sfruttano per farsi belli di fronte agli amici, sulle piattaforme social e per costruirsi un’immagine. L’FTP ci fa sentire delle star! Non dobbiamo dimenticare, anzi dovrebbe essere la prima cosa da tenere in considerazione che questo primo mattone ci ci deve permettere di lavorare bene anche nel medio e lungo termine. Io posso eseguire un test FTP sui 20 minuti ed avere un dato non veritiero se proiettato sull’ora di attività.

Le variabili

Le variabili sono numerose ma una su tutte la possiamo quantificare e controllare: le rpm, il numero di pedalate. Io posso avere un FTP più alto (rispetto a quello vero e proprio) perché per 20 minuti ho spinto oltre le mie possibilità e ad un numero di rpm inferiore, rispetto alle mie ottimali. Quando sarò costretto a replicare questo valore con termini temporali dilatati (30/40/60 minuti), il rischio di bruciarmi sarà molto alto, o addirittura non riuscirò a raggiungere il mio dato calcolato in precedenza.

Ecco che è necessario capire e saper sfruttare le rpm che ci competono e che spesso fanno abbassare il valore di FTP, ma ci fanno andare più veloce o ci permettono di performare per un tempo più lungo. Non siete convinti? Qui sotto una prova pratica.

Le corone della bici da strada a confronto

Qui di seguito riprendiamo anche un approfondimento di Davide Sanzogni, sempre in merito all’FTP e ad alcuni suoi aspetti fondamentali che “tutti” dovrebbero tenere in considerazione.

FTP o soglia di potenza funzionale può essere un vettore ?

a cura della redazione tecnica, con la collaborazione di Davide Sanzogni, foto redazione tecnica e Sara Carena.

Articolo precedenteFILIPPO MAFFEI surf & street photographer
Articolo successivoIntervista a Romano Favoino di Lapierre
Alberto Fossati, nasco come biker agli inizi degli anni novanta, ho vissuto l'epoca d'oro dell'off road e i periodi della sua massima espansione nelle discipline race. Con il passare degli anni vengo trasportato nel mondo delle granfondo su strada a macinare km, facendo collimare la passione all'attività lavorativa, ma senza mai dimenticare le mie origini. Mi piace la tecnica della bici in tutte le sue forme, uno dei motivi per cui il mio interesse converge anche nelle direzioni di gravel e ciclocross. Amo la bicicletta intesa come progetto facente parte della nostra evoluzione e credo fermamente che la bici per essere raccontata debba, prima di tutto, essere vissuta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui