Wavegarden continua a costruire onde artificiali in tutto il Mondo

0

Sin dalle origini del progetto la visione di Wavegarden si è basata sulla condivisione della sensazione esaltante di surfare onde perfette con tutti, ovunque.
In questo momento 4 wavepool ad uso commerciale sono state realizzate ed altre 4 apriranno entro il 2021 (Siheung, vicino a Seoul e all’aeroporto internazionale di Incheon, Corea del Sud; Vallese, Svizzera; Praia da Grama e Garopaba, Brasile); inoltre più di 30 altri progetti si stanno formalizzando attraverso dei contratti finanziari.

Nel centro di test privato di Wavegarden, nel nord della Spagna, il team di sviluppo continua ad espandersi ed ora è composto da 60 dipendenti a tempo pieno, ognuno esperto nel rispettivo settore tra cui fluidodinamica, ingegneria meccanica, civile ed elettrica, sviluppo software, trattamento delle acque, architettura, sviluppo del business e operativo. In risposta alla crescente domanda del mercato per l’innovativa tecnologia Wavegarden Cove, i fondatori continuano a lavorare su ambiziosi piani di espansione.

“Negli ultimi anni abbiamo acquisito padronanza di tutti gli aspetti della nostra tecnologia, incluso un innovativo sistema di trattamento delle acque, e ampliato i nostri servizi di sviluppo aziendale per offrire ai clienti un’esperienza senza soluzione di continuità dall’ideazione del progetto fino all’apertura ed oltre”, ha spiegato Josema Odriozola, fondatore di Wavegarden e CEO. “Oggi possiamo anche fare un ulteriore passo fornendo assistenza da parte di esperti per tutti gli aspetti delle operazioni commerciali”.

La recente apertura delle due strutture Wavegarden Cove URBNSURF Melbourne, in Australia e THE WAVE Bristol, in Inghilterra – dimostra la nostra capacità di fornire surf parks di livello mondiale e finanziariamente sostenibili. “Abbiamo iniziato in modo entusiasmante l’attività con una forte presenza dall’apertura a gennaio”, ha dichiarato Damon Tudor, CEO di URBNSURF. “La qualità dell’onda e le dimensioni della laguna hanno offerto un’esperienza straordinaria per i nostri membri e ospiti, che è la chiave per la vitalità del parco. È una sensazione speciale guardare i surfisti uscire dall’acqua con i sorrisi sui volti ogni volta. Non vediamo l’ora di iniziare a lavorare al nostro prossimo progetto”.


La leggenda Tom Carroll al centro test Wavegarden nei Paesi Baschi

Ci sono una serie di caratteristiche che rendono la tecnologia brevettata Wavegarden Cove categoricamente superiore ad altri sistemi di generazione d’onda che vi abbiamo presentato recentemente. Innanzitutto, la tecnologia wavegarden ha dimostrato di funzionare, e questo non è banale. Anni di meticolosi test e perfezionamenti presso il centro demo, che fino ad oggi, ha creato quasi 5 milioni di onde, hanno assicurato che le wavepool di tutto il pianeta funzionassero senza problemi.
Inoltre, la sostenibilità economica e ambientale sono i fattori principali. Il sistema meccanico impiegato da Wavegarden Cove consuma meno di 1 kWh per onda – si perde pochissima energia nella trasmissione delle forze e parte dell’energia usata viene recuperata e riutilizzata. Gli studi di comparabilità rivelano che la tecnologia di Wavegarden consuma 10 volte meno energia rispetto ad altri sistemi pneumatici di generazione onde oggi presenti sul mercato. Sulla base dei prezzi medi dell’elettricità, ciò può comportare un risparmio superiore a 1 milione di euro all’anno.
Dalla sua apertura a gennaio, URBNSURF Melbourne ha ricevuto 65.000 visitatori, raggiungendo complessivamente 3,6 milioni di surfate. In un giorno qualsiasi della settimana, alcuni dei migliori professionisti del mondo, appassionati, dilettanti o nuovi arrivati ​​si trovano a cavalcare onde a pochi minuti dall’aeroporto di Melbourne. Una struttura su larga scala come URBNSURF, può ospitare contemporaneamente oltre 80 surfisti, in cui ogni surfista prende tra 10 e 15 onde per session.

A febbraio il surfista professionista australiano Owen Wright ha surfato URBNSURF Melbourne per quasi 5 ore di fila, descrivendolo come uno dei migliori giorni della sua vita. “È la migliore struttura di allenamento”, ha dichiarato Owen. “Il mio surf ha iniziato a migliorare dopo solo 5 onde. Sono stato in grado di eseguire 4-5 trick su ogni onda, il che mi ha davvero aiutato a perfezionare la mia tecnica. Mi ci sarebbero voluti mesi nell’oceano per ottenere ciò che ho raccolto dal surf in un giorno al Wavegarden”.

Per i surfisti esperti come Owen il Wavegarden Cove offre una varietà di onde incredibile che spazia da ampie carvate a barrel veloci. Le onde possono variare da 50 cm a quasi 2 metri di altezza, sia destre sia sinistre a seconda del lato del molo in cui ti trovi – una sfaccettatura che consente ai surfisti di affinare le loro abilità sia sul front sia sul backside. Tuttavia, per gli intermedi, la macchina può essere abbassata premendo un pulsante per produrre onde più morbide e con meno energia.
“Siamo in grado di creare un’infinita varietà di onde“, ha dichiarato Josema Odriozola. “Il software intuitivo è altamente flessibile e consente agli operatori di personalizzare le onde in base al livello dei surfisti in acqua. Il surf è uno degli sport più emozionanti, tuttavia, la quantità di divertimento dipende dal fornire le onde giuste per ogni surfer”, ha aggiunto Josema. “Al Wavegarden sappiamo come migliorare i surfisti sin dal primo giorno.”

La tecnologia di generazione delle onde è senza rumore e può generare tra 300 e 1000 onde all’ora a seconda dell’impostazione delle onde e dei requisiti operativi. Il macchinario è in grado di funzionare in modalità non-stop o può produrre set di onde quasi per qualsiasi quantità desiderata. Questa alta frequenza di onde assicura che ci siano molte onde di qualità per tutti senza la necessità di competere con altri surfisti per la propria onda.
Dopo aver testato THE WAVE Bristol, il surfista numero uno del Regno Unito, Reubyn Ash, è stato colpito dalla quantità di onde che è stato in grado di surfare alla sua prima session. “Ogni volta che qualcuno parte vai avanti nella fila per la prossima onda. Ti senti sempre come se avessi una rotazione veloce dei turni. E, quando ti allontani, inizia la prossima serie di onde.”

“Siamo rimasti molto colpiti dalla qualità e dalla coerenza delle onde create dai macchinari”, ha affermato Craig Stoddart, CEO di The Wave Bristol. “Molti surfisti hanno commentato che il rumore è identico al surf in spiaggia ascoltando il mare, dando una reale possibilità di riconnettersi con il potere naturale delle onde.”
Le dimensioni di una struttura commerciale standard di Wavegarden Cove misurano 2 ettari, sebbene l’impronta sia completamente personalizzabile per tutti i tipi di progetti, inclusi progetti autonomi, schemi di uso misto, surf resort, complessi residenziali privati, hotel e centri commerciali.
La macchina è modulare e la lunghezza delle onde dipende dal numero di moduli installati. Una struttura di dimensioni standard come URBNSURF Melbourne ha 46 moduli e offre corse di circa 16 secondi di surf per onda, paragonabili ad alcuni dei migliori spot del pianeta.

Il sito del wavegarden in Korea del Sud

La nuova struttura in costruzione a Siheung, in Corea del Sud – la cui apertura è prevista per settembre 2020 – avrà 56 moduli.
Le strutture su larga scala sono ideali dove c’è disponibilità di spazio. Tuttavia, è anche possibile creare onde di alta qualità con meno moduli. THE WAVE Bristol ha 40 moduli e offre onde world class. Il centro demo di Wavegarden Cove ha 28 moduli ed è stato ampiamente acclamato da professionisti della WSL. Ventidue dei migliori trentacinque surfisti al mondo hanno utilizzato il centro demo spagnolo come centro di allenamento per la tappa europea del circuito World Surfing League, incluso l’attuale campione del mondo, Italo Ferreira.

Per mantenere l’acqua cristallina e igienicamente sicura, ogni Wavegarden Cove è dotato di un proprio sistema di trattamento dell’acqua all’avanguardia. Sviluppato internamente dal team wavegarden, il sistema si basa su una serie di trattamenti sostenibili tra cui filtrazione fine, ozono e disinfezione UV, oltre a bassa clorazione chimica.
Il team di sviluppo commerciale di Wavegarden comprende i leader più esperti nel settore dei surf park, del turismo e del tempo libero e fornisce le informazioni più complete e approfondite, tra cui indicazioni sulla selezione del sito di costruzione, la fattibilità finanziaria e le autorizzazioni, tutto il necessario per stabilire un progetto praticabile.

Come nuovo centro moderno per gli sport acquatici, il Wavegarden Cove offre una vasta gamma di benefici positivi per la salute e la comunità sociale, creando al contempo occupazione, attraendo il turismo e aumentando il valore degli immobili nelle vicinanze.
E, ora che è sport olimpico, il surf è nella posizione giusta per crescere esponenzialmente a una velocità senza pari in tutto il mondo.
Le squadre nazionali che hanno accesso a una struttura Wavegarden avranno un grande e netto vantaggio. “Ogni paese che si preoccupa seriamente di portare a casa una medaglia deve avere una struttura di formazione come URBNSURF“, ha concluso Owen Wright. “Con Wavegarden c’è la possibilità di migliorare le nostre prestazioni, in modo simile ad altri sport come il calcio o il rugby”.

Mentre le aziende di tutto il mondo iniziano progressivamente a riaprire, URBNSURF Melbourne ha recentemente annunciato che i surfisti possono tornare sulla line-up da oggi, venerdì 19 giugno 2020. Nel frattempo, nel Regno Unito, The Wave Bristol punta a rilanciare il proprio business durante l’estate.
Nel periodo in cui le imprese sono soggette a numerose nuove pressioni, il fondatore e CEO di Wavegarden Josema Odriozola condivide la sua visione positiva. “Nonostante tutto, il nostro team sta lavorando duramente per migliorare le prestazioni dei nostri sistemi, rimaniamo entusiasti e fiduciosi per il futuro.”

Per saperne di più: wavegarden.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui