L’estate delle corse a tappe

Sorprende la specialista Laura Ricci, che a Lampedusa mette in riga anche tutti gli uomini. A Ponza, vittoria per Ivan Valenti, ottimo test agonistico per la maratoneta Valentina Facciani

15/07/2017
scritto da Gabriele Gentili

L’estate è sinonimo di corse a tappe, occasioni per gareggiare e vivere esperienze diverse che abbinano l’agonismo al turismo, un fenomeno in continua evoluzione. Nell’ultima settimana sono state ben 4 le prove che si sono disputate in giro per l’Italia ed è notevole il numero complessivo di partecipanti a eventi che hanno oltretutto una forte valenza di preparazione in vista della seconda parte di stagione.

Iniziamo dalla 17esima edizione del Giro Podistico Isola di Ponza, articolato su 4 tappe con riposo a metà gara. Frazioni abbastanza brevi, la principale, quella conclusiva, misurava 9,4 km mentre nel complesso i corridori sono stati chiamati ad affrontare 24,4 km. Vittoria finale per Ivan Valenti (FF.GG.Simoni) in 1h18’49” con ben 9’15” su Luca Benini (Edera Forlì), terza posizione a 10’26” per Luca Bessone davanti alla prima donna, Valentina Facciani (Corradini Rubiera) che in 1h30’36” ha prevalso su Elisabetta Aghiana (D+ Trail) a 10’35” e su Patrizia Borrelli (POd.Pontelungo) a 19’03”.

Ivan Valenti primo a Ponza (foto organizzatori)

Ben due gli eventi in contemporanea in Sicilia, in due isole tra le più belle del Mediterraneo. A Lampedusa seconda edizione del Giro Podistico dell’Isola di Lampedusa, nato da un’idea di Claudio Baglioni, che nell’isola ha fatto base per numerose sue iniziative non solo musicali e di Gianni Morandi che ha tradotto anche organizzativamente la sua inestinguibile passione per la corsa. 40 i km da percorrere e alla fine a vincere è stata una donna, una vera specialista delle prove a tappe come Laura Ricci (Corradini Rubiera) prima in 1h49’05” davanti a Emilio Veroni (La Fratellanza 1874) primo fra gli uomini in 1h49’17” e a Diego Ghidinelli (Atl.Brescia Marathon) in 1h53’15”. Ai piedi del podio assoluto altre due donne, Francesca Barneschi (Atl.Sestini Fiamme Verdi) in 1h53’43” e Monica Baccanelli (Ssd Srl Europa) in 1h54’20”, terzo uomo Gianluca Capuzzi (Ssd Srl Europa) in 1h59’32”.

L’altro appuntamento, il Giro Podistico dell’Isola di Ustica, valido per il Biorace Bio, ha una storia più lunga essendo alla sua sesta edizione. 32 i km previsti divisi in 4 tappe, dove c’è stato il netto predominio di Filippo Lo Nigro (Palermo Running) che si è aggiudicato tutte le frazioni facendo fermare i cronometri sul tempo complessivo di 2h13’55” con 6’54” su Goffredo Caldarera (Atl.Misterbianco), terza posizione per Angelo Bruno Salvetti (Pro Avis Castelnuovo Magra) a 16’02”, preceduto anche dalla prima donna, Elisa Bettini (Atl.Sanrafel Bologna) che in 2h23’48” ha staccato di 12’49” Filippa Lascari e di 19’12” Maria Cristina Mancuso, entrambe del Gruppo Ciclo-Podistico Cvb.

Anche i bambini protagonisti a Ustica (foto organizzatori)

Ultima prova in ordine di tempo il Giro della Provincia di Parma, articolato su tre prove fra Felino e Sala Baganza, dove alla fine l’ha spuntata Francesco Peyronel (Csi Morbegno) che ha chiuso i 22,5 km complessivi in 1h15’45” superando proprio all’ultima tappa Claudio Tanzi (Gs Italpose) di soli 4”, terzo Fabio Bellucci (Atl.Casone Noceto) a 3’40”. Fra le donne prima Lisa Ferrari (Cus Parma) in 1h29’31” con 2’20” su Martina Gelati e 2’44” su Valeria Poltronieri, entrambe del Circolo Minerva.

Potrebbe interessarti anche

Commenti

edicola digitale