Sellaronda MTB Tour: le Dolomiti per tutti

Chi ama la MTB e i luoghi dove la natura esprime il massimo della sua bellezza non può perdere la possibilità di pedalare in uno dei luoghi più iconici delle Dolomiti, il Sellaronda

01/08/2018
scritto da Sauro Scagliarini

Sellaronda TourL’area del Sellaronda offre la peculiarità di accesso da diversi luoghi e non obbliga ad una partenza proprio da un punto preciso, Si può accedere dall’Alta Badia, oppure dalla Val Gardena (siamo in Alto Adige). Dalla Val di Fassa, cioè in Trentino, ma anche da Arabba che significa Veneto: tre province e tre regioni per una scelta molto ampia e adatta a tutte le esigenze. Il percorso ideale, ma possono esserci diverse varianti, è quello reso celebre e mitico dalle nove edizioni della Hero Sudtirol Dolomites, la gara che si svolge in giugno dove i migliori biker nazionali e non, si sono cimentati. Il percorso è lungo e reso ulteriormente impegnativo dal dislivello, adatto solo a chi è ben allenato. La proposta Sellaronda MTB Tour offre un’opportunità che la rende affrontabile anche in una modalità meno estrema grazie agli impianti di risalita fruibili pure alle biciclette.

Sellaronda Tour
Il Sellaronda Tour può essere affrontato in senso orario o anti orario

Il primo, contrassegnato in arancione, è lungo 58 km e comporta un dislivello totale di 4.000 m, ma se si usano gli impianti, solo 330 m sono da superare pedalando in salita. Il Sellaronda MTB Tour in senso orario è particolarmente apprezzato dagli amanti della discesa: lungo questo tracciato, che prevede oltre 30 km di ‘gravity’, tutto il divertimento è racchiuso negli adrenalinici singletrack che, anche se non ripidissimi, richiedono una certa dose di preparazione tecnica.

Sellaronda TourLa descrizione dell’itinerario

Come esemplificazione ipotizziamo d partire da Selva di Val Gardena con il primo impianto di Dantercepies, la cabinovia che conduce sopra il Passo Gardena: da qui raggiungeremo il primo valico di giornata attraverso un singletrail mediamente tecnico. A seguire altra discesa, lasciandosi condurre da uno splendido tracciato appositamente disegnato per le mountain bike che ci porta al paese di Colfosco per poi proseguire fino a Corvara. Nel paese dell’Alta Badia due impianti ci porteranno al Passo Campolongo, la porta d’entrata della Valle di Fodom che si percorrerà in discesa fino ad Arabba. Sarà la funivia Porta Vescovo a condurci in quota dove l’imponenza della Marmolada e delle sue vette perennemente innevate danno ai ciclisti uno sfondo ideale per fotografie straordinarie. La discesa è particolarmente impegnativa e richiede una buona tecnica di guida; al termine della vallata si può salire sull’impianto Fodom che condurrà al Passo Pordoi, da cui inizia un lungo sentiero che conduce dapprima a Canazei e successivamente a Campitello. Ora siamo in Val di Fassa e si prosegue salendo con la funivia Col Rodella che porta sopra il Passo Sella, raggiungibile attraverso una breve discesa. L’ultima discesa è disegnata ai piedi del Sassolungo e da qui entreremo in un bosco dove un sentiero ci condurrà a Selva di Val Gardena.

Sellaronda TourIl percorso in senso antiorario è contrassegnato dal colore verde è più adatto per chi, pur usufruendo dell’aiuto degli impianti di risalita, ha un atteggiamento ancora più sportivo. Il tracciato porta ad affrontare uno sviluppo di 55 km divisi fra strade sterrate e sentieri, per un dislivello totale di 3.370 m di cui 1.020 da affrontare pedalando. Questa alternativa è consigliata a chi usa le eBike, dovendo utilizzare cinque impianti di risalita, a differenza del percorso arancio che ne utilizza sette. Qui si troverà un terreno fatto di trail naturali alternati a splendidi tratti flow, dalle ampie traiettorie e con punti estremamente panoramici.

Sellaronda TourDolomiti Supersummer Card

Che si pedali da soli o in compagnia di una guida è comunque necessario munirsi della tessera Supersummer Card che permetterà di utilizzare gli impianti di risalita dolomitici per tutta la durata del tour senza limitazioni. L’esclusiva card permette di accedere a decine di impianti di risalita del comprensorio dolomitico e l’utilizzo è estremamente semplice: si può scegliere la versione giornaliera oppure, per soggiorni più lunghi, è ideale l’opzione 3 giorni a scelta su 4 o per chi si ferma una settimana l’estensione di 5 giorni a scelta su sette. Nella Supersummer Card è incluso il trasporto della bici ed è utilizzabile per tutti gli impianti convenzionati, quindi anche per le singole aree bike delle quattro valli, ovvero su impianti che non si trovano lungo gli itinerari del Sellaronda MTB Tour.

Sellaronda TourAffrontare i passi e le vallate di questi luoghi grazie a Sellaronda MTB Tour è un’esperienza davvero unica e lo diventa ancora di più affidandosi a una Guida di Mountain Bike delle oltre 120 attive in Val Gardena, Alta Badia, Arabba e Val di Fassa. Solo così, infatti, è possibile vivere intensamente questi tracciati senza correre il rischio di lasciare inesplorato qualche angolo di luoghi famosi per la natura incontaminata. Non da meno è La qualità ricettiva e gastronomica dei tanti rifugi in quota. Menù tradizionali sono alternati a veri piatti gourmet elaborati da chef professionisti. In tanti di questi rifugi sono offerte gratuitamente le ricariche delle batterie e sarà un’ottima occasione per riposarsi in maniera piacevole.

Sellaronda Tour

Info: www.sellaronda-mtb.com/

[foto: molography.it, Arabba-Fodom Turismo, Val di Fassa/Andrea Costa, wisthaler.com]

Potrebbe interessarti anche

Commenti